Il giudice per le indagini preliminari di Catania, Santino Mirabella, accogliendo la richiesta della procura, ha archiviato l’inchiesta per peculato in cui erano indagati l’arcivescovo Salvatore Gristina e monsignor Alfio Santo Russo.

I due erano indagati perché il primo è il presidente del consiglio d’amministrazione dell’Opera diocesana catanese per il culto e la religione (Odccr), mentre il secondo è presidente del cda dell’Opera diocesana assistenza (Oda), l’ente di assistenza ai diversamente abili più importante della provincia, controllato dal clero. L’arcivescovo era assistito dagli avvocati Carmelo Peluso e Giuseppe Barletta, mentre monsignor Russo dal penalista Attilio Floresta.

Rimangono indagati, con l’ipotesi di appropriazione indebita aggravata in concorso, per complessivi 40mila euro circa, Alberto Marsella, nella qualità di amministratore delegato dell’Oda, e Daniela Stefania Iacobacci, segretaria particolare della fondazione.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Inseguì e travolse motociclisti, pm Milano chiede 15 anni per omicidio volontario aggravato

prev
Articolo Successivo

Monza, avvelenò e uccise nonni e zia con il tallio: assolto Mattia Del Zotto perché “era incapace di intendere e di volere”

next