Dieci migranti di origine africana, che erano rimasti bloccati nella neve nel tentativo di raggiungere la Francia a piedi, sono stati soccorsi questa mattina in Alta Valle di Susa. Alcuni sono stati recuperati lungo la strada che da Cesana conduce a Sagnalonga, alcuni a monte dell’impianto sciistico La Coche di Claviere e alcuni al confine del Monginevro. Rintracciati, sono stati portati al presidio di accoglienza di Oulx.

A chiedere aiuto al 112 Nue, ieri sera, erano stati gli stessi migranti, che avevano spiegato di essere bloccati in mezzo alla neve. Quattro persone risultano ancora disperse, ma, le tracce ritrovate dai soccorritori, fanno pensare che siano riusciti a raggiungere il territorio francese. Per competenza, l’intervento è stato passato ai soccorritori transalpini. Le ricerche sono state condotte dagli operatori del soccorso alpino, dai vigili del fuoco, dai carabinieri e dalla guardia di finanza.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Aosta, infermiera uccide i due figli con un’iniezione letale poi si toglie la vita

next
Articolo Successivo

Vittorio Sgarbi durante la notte crolla in autogrill e si rotola per terra. Lui: “Ubriaco? Falso. Sono astemio”

next