Dieci migranti di origine africana, che erano rimasti bloccati nella neve nel tentativo di raggiungere la Francia a piedi, sono stati soccorsi questa mattina in Alta Valle di Susa. Alcuni sono stati recuperati lungo la strada che da Cesana conduce a Sagnalonga, alcuni a monte dell’impianto sciistico La Coche di Claviere e alcuni al confine del Monginevro. Rintracciati, sono stati portati al presidio di accoglienza di Oulx.

A chiedere aiuto al 112 Nue, ieri sera, erano stati gli stessi migranti, che avevano spiegato di essere bloccati in mezzo alla neve. Quattro persone risultano ancora disperse, ma, le tracce ritrovate dai soccorritori, fanno pensare che siano riusciti a raggiungere il territorio francese. Per competenza, l’intervento è stato passato ai soccorritori transalpini. Le ricerche sono state condotte dagli operatori del soccorso alpino, dai vigili del fuoco, dai carabinieri e dalla guardia di finanza.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Aosta, infermiera uccide i due figli con un’iniezione letale poi si toglie la vita

prev
Articolo Successivo

Vittorio Sgarbi durante la notte crolla in autogrill e si rotola per terra. Lui: “Ubriaco? Falso. Sono astemio”

next