Una tantum di 5mila euro massimo per le famiglie con la casa danneggiata dal maltempo. È il contributo previsto nell’ordinanza della Protezione civile “per la prima volta nella storia degli interventi emergenziali”. Fa parte delle misure di immediato sostegno al tessuto economico e sociale nei confronti della popolazione e attività produttive colpite dalla pioggia e dal vento delle scorse settimane. Gli interventi d’urgenza stabiliti dall’ordinanza urgente sono coperti dai 53,5 milioni di euro messi a disposizione dal Consiglio dei ministri dell’8 novembre scorso dei commissari delle 10 Regioni interessate – i governatori – e delle Province autonome di Trento e Bolzano.

Nello specifico, la Protezione civile garantisce un contributo “una tantum di 5mila euro massimo per i nuclei familiari la cui abitazione principale risulti compromessa nella sua funzionalità dal maltempo e massimo 20mila euro per l’immediata ripresa delle attività economiche e produttive, sulla base di apposita ricognizione svolta dai commissari delegati”.  I contributi, spiega la Protezione Civile sono “riconosciuti solo nella parte eventualmente non coperta da polizze assicurative“.

I commissari sono autorizzati ad “assegnare un Contributo per l’Autonoma Sistemazione (Cas) ai nuclei familiari la cui abitazione principale sia stata distrutta, in tutto o in parte, o sia stata sgomberata. Il contributo può variare da un minimo di 400 euro mensili a un massimo di 900, variando in base al numero dei componenti del nucleo familiare. È possibile inoltre erogare ulteriori 200 euro mensili, anche in aggiunta al limite massimo, per ogni componente della famiglia di età superiore ai 65 anni o disabile con invalidità non inferiore al 67%”, spiega la Protezione civile.

L’ordinanza firmata da Angelo Borrelli, riguarda le regioni Calabria, Emilia-Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Lombardia, Toscana, Sardegna, Siciliana, Veneto e le Province autonome di Trento e Bolzano. Per quanto riguarda gli alberi abbattuti e i materiali vegetali, il legname rimosso potrà essere stoccato in apposite aree di deposito. I commissari possono affidare i relativi servizi con procedure d’urgenza: tali interventi inoltre, considerati prioritari, possono essere eseguiti stipulando i contratti di affidamento entro 15 giorni dall’adozione dell’ordinanza e concludendo i lavori entro 40 giorni dalla stipula.

Lo smaltimento di materiale eventualmente contenente amianto spetta a ditte specializzate. Per la rimozione di alberi abbattuti e dei materiali vegetali in zone urbanizzate, negli alvei di fiumi, in laghi e corsi d’acqua, i commissari sono autorizzati anche a cedere il materiale ai soggetti che realizzano gli interventi, quale compensazione del lavoro svolto, inoltre, potranno cedere a prezzo da stabilire il legname utilizzabile a fini commerciali e industriali. In questo caso il corrispettivo è finalizzato al rimboschimento. Il tutto al fine di evitare ulteriori pericoli per l’incolumità pubblica e privata.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

‘Padre nostro’ e ‘Gloria’ cambiano. Ora sono più fedeli alla parola di Gesù

next
Articolo Successivo

Roma, il Campidoglio affida il 1° appalto per il verde pubblico dopo Mafia Capitale I tecnici: “Pochi soldi, finiranno presto”

next