Dopo le proteste dei giorni scorsi in Puglia e in Piemonte, duecento lavoratori di slot e bingo sono scesi in piazza questa mattina, venerdì 16 novembre, a Bologna per protestare contro la legge regionale contro l’azzardo. Approvata nel 2013, poi modificata nel 2018 la norma fissa il divieto di presenza di sale da gioco entro 500 metri da luoghi sensibili come scuole, ospedali e palestre “che provocherà la chiusura delle imprese” dicono i sindacati “e favoriranno il gioco illegale, perché con la chiusura delle sale specializzate chi vorrà potrà spendersi lo stipendio nel gioco, illegale, online”. Ogni anno il settore del gioco d’azzardo (legale) muove in Italia 100 miliardi euro (di cui solo il 10% finisce nelle casse dello Stato) e  impiega circa 150mila lavoratori in tutta Italia, 5mila in Emilia Romagna.

Mentre bingo e sale da gioco dell’Emilia Romagna ricevono, in questi giorni, le prime ingiunzioni di trasloco (obbligo “rimandato” invece per bar e tabaccherie con slot machine al loro interno: potranno restare al loro posto  fino al 2022 perché la delibera regionale tiene conto della scadenza delle concessioni fissate dai monopoli di Stato), i sindacati hanno chiesto un incontro al Mise affinché si arrivi a una legge nazionale che regolamenti il settore. Nell’attesa, il 19 novembre i rappresentanti dei lavoratori saranno ricevuti in Regione

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Industria Italiana Autobus, adesione del 100% allo sciopero: “Paghino stipendi”

prev
Articolo Successivo

Pernigotti, Piacenza conferma l’interesse. Uil: “No a speculazioni”. I lavoratori: “Abbiamo scelto di fidarci del governo”

next