A distanza di pochi mesi sono tornato a Malpensa, nell’aeroporto dove mesi fa avevo denunciato assieme al sindacato Cub il pesante precariato, la filiera delle cooperative e l’abuso dei contratti somministrati. Con Renzo Canavesi avevamo mostrato (ci sono ancora i video) i tabulati dove le caselle del lavoro a tempo determinato sono vere e proprie caselle di contratti necessari, quindi a tempo indeterminato.

Da allora ad oggi abbiamo un decreto dignità che a questo punto non consentirà più a nessuno di bypassare i contratti pieni con contratti a tempo o… light. A Malpensa c’è un sistematico sfruttamento di personale che la nuova società – Airport handling – e pure la società di gestione, Sea, fanno finta di non vedere. Soprattutto nella parte Cargo dove operano soggetti come Alha o le cooperative che marcherò a uomo contro ogni tentativo di aggirare gli effetti del Dignità (anche Enac è bene che ci dica qualcosa in merito).

Qualcuno potrebbe dire che le attività degli aeroporti – perché quello che accade a Malpensa accade anche in altri aeroporti – si caratterizzano per la stagionalità quindi per i picchi occupazionali. Non è così. Proprio adesso che Malpensa gira a velocità ordinaria, cioè senza picchi di traffico, la Cub mi ha mostrato (guardate il video che accompagna questo post) l’alto numero di contratti a termine. Ecco, questi contratti devono essere convertiti in contratti a tempo indeterminato e se qualcuno pensa di fare il furbo, oltre alla sacrosanta rivendicazione legale che i lavoratori promuoveranno, da parlamentare pretenderò dagli ispettorati del lavoro controlli rigorosi e report aggiornati.

Malpensa non è una realtà in crisi, quindi non sfrutti i lavoratori: il lavoro low cost è diventato una pessima abitudine. Lo faccio presente soprattutto al presidente di Sea, Pietro Modiano, il quale da poco ha assunto anche l’incarico di presidente in banca Carige: nell’aeroporto che gestisce conta ancora qualcosa o fanno tutto i suoi manager pagati a peso d’oro? I numeri non si fanno sulle vite dei lavoratori. Dignità prima di tutto.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Inps, la Corte di Cassazione dà ragione alla funzionaria che denunciava l’assenza di concorsi. Ma è ancora demansionata

next
Articolo Successivo

Termini Imerese, tavolo al Mise su Blutec: nonostante l’inchiesta, l’azienda ci riprova con un nuovo piano. Fiom: “Garantire continuità occupazionale per il 2019”

next