Non esiste una correlazione scientifica fra i marchi di auto più ricercati su Google e i dati di vendita del mercato delle quattro ruote. Tuttavia, la compagnia di assicurazione Veygo si è presa la briga di stilare una lista della auto più “googlate” al mondo sul più famoso dei motori di ricerca.

Il quadro che ne emerge è un mix di conferme e sorprese: i marchi più digitati in assoluto nel 2017 sono risultati essere quelli asiatici, Toyota in primis, la più cliccata in 57 Stati su 171 fra quelli scansionati da Veygo.

Il colosso giapponese è stato cercato mediamente 7,8 milioni di volte al mese, contro i 7 milioni di Honda e i 6,4 di Ford. Sicché Toyota risulta essere il brand più in voga su Google in USA, Canada, Australia, Nuova Zelanda, Sud Africa, Finlandia e Filippine. Al secondo posto c’è BMW: la casa bavarese è “prima” in 25 paesi (come Giappone, Egitto, Libia ed Iraq), seguita a ruota dai rivali di Mercedes che la spuntano in 23 nazioni.

Ma in questa curiosa classifica c’è spazio anche per i sogni, quelli di chi nella stringa dei motori di ricerca ha inserito il nome di Lamborghini: la casa di Sant’Agata Bolognese risulta la più bramata – virtualmente s’intende – in 12 paesi, fra cui il Venezuela, Repubblica Dominicana, Sri Lanka e Pakistan.

Mentre c’è un certo interesse per Tesla in paesi come Norvegia, Olanda e Cina, dove la mobilità a zero emissioni tira parecchio. E da noi? Quale marca automobilistica cercano gli italiani su Google? Rullo di tamburi… la Volkswagen, prima anche in Spagna e Romania.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Duckietown, le Olimpiadi della guida autonoma con le paperelle – VIDEO

prev
Articolo Successivo

Fiat 600 Multipla, Lapo Elkann la elettrizza e la veste di Barocco – FOTO

next