Il presidente della Camera Roberto Fico ha annunciato che querelerà Libero per il titolo di prima pagina del 7 novembre che, in riferimento all’incontro della terza carica dello Stato con l’ambasciatrice palestinese Mai Alkaila, recita: “Il presidente della Camera a gas, Fico si avvicina ai terroristi palestinesi”. “Sono molto amareggiato”, ha scritto su Facebook l’esponente del Movimento 5 stelle, “perché oggi un quotidiano decide di paragonare con un titolo vergognoso Montecitorio a una Camera a gas. Un raffronto inaccettabile, vigliacco e offensivo nei confronti dei sei milioni di ebrei vittime dell’Olocausto. Un dramma terribile che nessuno di noi può e deve dimenticare. Il quotidiano in questione ha deciso di fare quel paragone perché ieri ho avuto un incontro istituzionale con l’ambasciatrice palestinese in Italia, riconosciuta dal ministero degli Esteri come rappresentante dell’Anp. Per questo ho deciso di querelare Libero”.

A Fico poco dopo ha replicato il direttore di Libero Vittorio Feltri: “Le camere a gas sono quei luoghi dove si muore, ma non si moriva solo in quelle naziste”, ha detto. “Sono un simbolo della morte. Cosa c’entrano gli ebrei. Tanti sono stati condannati a morte in America con le camere a gas. Evidentemente Fico non ne ha cognizione, ma glielo facciamo sapere noi”. E ha concluso: “La Camera è diventata un luogo invivibile dove ormai la democrazia è condannata, è una camera mortuaria. Lui ne è presidente, non è mia colpa nostra. Questa storia delle titolazioni forti di Libero lascia il tempo che trova, l’importante è non travalicare il senso logico delle cose. Lui stringe la mano ad un’amica dei terroristi, è un avvicinamento a quel mondo lì. C’è tanto di foto, è del tutto evidente”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Jacobin è arrivato in Italia. E io, da vero giacobino, ne sono felicissimo

prev
Articolo Successivo

Casalino, questa non è ‘cos’e niente’

next