Dopo le tensioni durante i lavori in Commissione e le richieste di modifica più volte rilanciate e rimaste inascoltate, i senatori M5s Elena Fattori, Paola Nugnes e Gregorio De Falco, critici sul Decreto sicurezza hanno scelto di uscire dall’Aula, considerata la decisione del governo di mettere la fiducia. “Rinnoviamo la nostra fiducia, continuiamo a sostenere questo governo”, hanno spiegato, decidendo di intervenire in Aula in dissenso, ma soltanto sul provvedimento. I toni sul decreto sono rimasti duri: “Produrrà più irregolari“, ha rivendicato Nugnes. Mentre De Falco ha rilanciato: “Modificare il decreto per renderlo più confacente ai dettami costituzionali non era una facoltà, ma un dovere al quale il presidente della Repubblica ci aveva chiamato. La maggioranza non può ritenere che il compito del Parlamento possa esaurirsi in una semplice ratifica del provvedimento”. “Questo decreto è discutibile sia nel merito che nel metodo. Darà più forza a chi già sfrutta l’immigrazione e tutto ciò è esattamente il contrario del programma del Movimento 5 Stelle”, ha aggiunto Fattori. Assente invece l’altro dissidente M5s sul decreto Salvini, Matteo Mantero. Nei confronti del gruppo è già stata avviata un’istruttoria, e sarà il collegio dei probiviri a decidere su un’eventuale espulsione

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Decreto sicurezza, il Senato dà l’ok con la fiducia: 163 sì. Il M5s: “Il governo? Gode di ottima salute”. I dissidenti escono

prev
Articolo Successivo

Landini: “Chi ha votato Lega mi dice di tenere duro per difenderlo dal governo. Sindacati e lavoratori mai più divisi”

next