Si concretizza lo spettro della fiducia sul decreto sicurezza in discussione al Senato. La vicenda scuote il M5S dopo le parole di Stefano Buffagni, rivolte ai pochi Senatori ‘dissidenti’ e condivise da Gianluigi Paragone: “Un voto di segno ostile alla fiducia li metterebbe in una posizione di estraneità alla maggioranza e poi dovrebbero prendere decisioni conseguenti e se invece di votare, come sembra, usciranno dall’Aula è un segnale politico che comunque dovranno spiegare”.

Nicola Morra minimizza i malumori 5stelle: “Le parole di Buffagni? Non le commento ma non sono minacce rivolte ai senatori dissidenti”. Paola Nugnes lasciando Palazzo Madama afferma: “Io ho fiducia nel governo ma, poiché questa mi è chiesta su questo decreto, mi asterrò dal dare il voto, perché io voterei contro questo decreto”. Il senatore Mantero preferisce non rilasciate dichiarazioni e Gregorio De Falco afferma: “Non parlo più fino alla fine di questa vicenda”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Murgia a Mieli: “Lega e M5s sono fascisti”. “Per me no, sono 70 anni che sentiamo parlare di rischio di fascismo”

next
Articolo Successivo

Salvini, ambientalismo da salotto o politica da bar?

next