Qualche giorno fa nel cimitero di Brugherio, cittadina in provincia di Monza e Brianza, durante un funerale è successa una scena che ha lasciato esterrefatti tutti i presenti: la tomba era troppo piccola e la bara non passava dall’imboccatura, tanto che per riuscire a deporla sul fondo i necrofori hanno dovuto incrinarla. Dopo lo sconcerto iniziale, la vicenda è diventata un vero e proprio caso politico, come riferisce il Corriere della Sera. La questione delle tombe troppo piccole nel campo santo di via San Francesco d’Assisi è approdata infatti in Consiglio comunale, con un ordine del giorno della Lega che accusa la giunta di centrosinistra di aver sbagliato la progettazione. “La giunta ha fatto realizzare nuove tombe lunghe 1,90 metri, mentre la bara più corta è di 2,05 metri. Sembra assurdo, ma è così: il fondo è di una lunghezza adeguata, ma hanno sbagliato le misure dell’imboccatura”, ha spiegato Angelo Bosisio, consigliere leghista di Brugherio al Corriere. 

Il problema dell’imboccatura troppo stretta riguarda 48 nuovi sepolcri fatti realizzare solo qualche settimana fa dall’amministrazione comunale, sollecitata dalle continue proteste dei cittadini che lamentavano una vera e propria emergenza tombe. Ma la giunta non ci sta a passare per negligente: “Non capisco come si possa strumentalizzare un episodio del genere – commenta al Corriere il sindaco del comune brianzolo, Marco Troiano -. Le tombe sono state realizzate secondo le prescrizioni di legge che prevedono una misura minima di 1,90 metri e una massima di 2,30. Per ragioni di spazio sono state realizzate nella forma più piccola, ma sono assolutamente regolari“. E lo stesso vale per la procedura di tumulazione: “È previsto che le bare vengano inclinate – conclude il sindaco -. So che non è molto bello da vedere, ma l’operazione viene svolta in sicurezza”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Veneto, manca la carta igienica ma la Regione stanzia 50mila euro per i presepi nelle scuole (anche quelle private)

prev
Articolo Successivo

Chieti, lettera con proiettile e minacce in prefettura. Nel mirino anche il senatore D’Alfonso, ex presidente della Regione

next