E’ polemica per il video di Pandora Tv rilanciato dalla pagina Facebook ufficiale del Movimento 5 stelle Europa. Martedì 30 ottobre i grillini hanno condiviso il commento del sito di news che si definisce “piattaforma indipendente” che “svela retroscena oscurati dai media mainstream” in cui si commenta l’intervista dell’ex presidente dell’Eurogruppo Jeroen Dijsselbloem alla Cnbc. E lo hanno rilanciato con un post dal titolo “Golpe finanziario contro l’Italia“. Confrontando però il commento della voce fuori campo con la versione originale si nota come le parole siano state travisate: Dijsselbloem dice che “uno dei contro del fatto che l’Italia si autofinanzi in gran parte da sola”, è che “se ci sono problemi l’economia implode”, ma, ha concluso, “basta che i consumatori lo capiscano e si può iniziare un percorso di correzione dall’interno”. Nel video di Pandora Tv però i virgolettati vengono riferiti in maniera differente. Il Movimento 5 stelle Europa, sulla pagina Facebook ufficiale, ha difeso la scelta: “Le parole di Dijsselbloem”, si legge in post pubblicato oggi, “dette da chi ha gestito le crisi in Grecia e Cipro, sono irresponsabili e rischiano di alimentare la speculazione nei confronti dell’Italia che ha invece i fondamentali economici in salute. Non ci sarà nessuna implosione e chi prefigura questo scenario fa terrorismo finanziario”. I primi a intervenire sono stati gli esponenti del Partito democratico: “Prendono un’intervista, la manipolano e fanno dire all’intervistato, il contrario di quello che ha effettivamente pronunciato. M5s, un movimento di falsari”, ha scritto su Twitter il presidente dei senatori Pd Andrea Marcucci. Così anche il dem Ettore Rosato: “Quando la propaganda non ha limiti e la mancanza di rispetto delle istituzioni pure. Pagine ufficiali social M5s diffondono false dichiarazioni manipolando un’intervista a Dijsselbloem ex capo dell’Eurogruppo. È la strategia della menzogna sempre, la stessa che usa Di Maio per fare il condono edilizio nel suo collegio a Ischia e poi dire che non è vero”.

Nella versione originale dell’intervista all’emittente Usa Cnbc, si sente Dijsselbloem spiegare: “Ci sarà un confronto e la Commissione non ha altra scelta che accettare questo confronto. Ma ci sarà anche un ruolo delle autorità bancarie e dei supervisori, nel monitorare gli effetti sulle banche italiane, e ci sarà un ruolo per i mercati. Se si guarda al fabbisogno italiano di finanziamenti e rifinanziamenti del debito – solo il prossimo anno parliamo di oltre 250 miliardi di euro – i mercati dovranno guardare a questo in maniera molto critica”. Poi al politico olandese viene chiesto se “l’Italia potrebbe rivelarsi una nuova Grecia“. “No è una situazione molto diversa”, è la risposta dell’ex presidente dell’Eurogruppo. “Il rischio della crisi greca era quello che potesse contaminare il resto dell’Eurozona creando il panico nel sistema bancario. L’economia italiana ovviamente è molto più grande, ma proprio per questa ragione si autofinanzia in gran parte da sola. Per esempio il debito sovrano è in larga parte in mano a investitori italiani, fondi pensione italiani e banche italiane. Questo ha dei pro e dei contro. Uno dei contro è che se ci sono problemi e l’economia implode questo si ripercuote sull’intera economia. Il pro è che basta che l’Italia lo capisca, che i consumatori lo capiscano e se tutto va bene si può iniziare un percorso di correzione dall’interno”.

Il Movimento 5 stelle in Europa martedì ha rilanciato il video su Facebook e ha poi scritto un articolo sul sito dal titolo: “Nuova gaffe di Dijsselbloem, l’amico del Pd che vuole distruggere l’Italia”. L’accusa, si legge, era quella di aver “invitato apertamente i mercati a punire l’Italia facendo salire gli interessi sul debito”: “Questa è l’ennesima conferma che l’establishment finanziario è contro il popolo. Ci fanno la guerra perché abbiamo chiuso il rubinetto a banche e lobby! La notizia è stata ripresa da Zerohedge, nessun telegiornale italiano invece riportato le sue dichiarazioni”. La voce che commenta l’intervista nel video di Pandora Tv dice anche: “Dijsselbloem invita apertamente i mercati a lanciare un attacco alle finanze italiane, spiegando loro anche come devono fare, e cioè orchestrando un danno ai titoli italiani, facendo così salire gli interessi sul debito all’Italia”. E conclude: “Dijsselbloem spiega che l’unico modo è dare ordine a Draghi e alla BCE di far salire lo spread, per portare al fallimento le banche italiane, già riempite di titoli di stato”. In realtà nell’intervista originale Dijsselbloem non ha mai citato Draghi o la Bce.

Oggi, i 5 stelle hanno pubblicato un post in cui replicano alle accuse: “Le parole di Dijsselbloem, dette da chi ha gestito le crisi in Grecia e Cipro, sono irresponsabili e rischiano di alimentare la speculazione nei confronti dell’Italia che ha invece i fondamentali economici in salute. Non ci sarà nessuna implosione e chi prefigura questo scenario fa terrorismo finanziario”. Il Movimento su Facebook si è giustificato dicendo che “nel video che abbiamo diffuso, realizzato da Pandora TV, sono riportate alcune di queste dichiarazioni e altre considerazioni dell’autore del servizio che nascono da alcuni inoppugnabili dati di fatto”. Quindi procedono a elencarli: “Dijsselbloem non è nuovo a gaffe nei confronti dei Paesi del Sud Europa. Sempre lui in un’altra intervista aveva accusato Italia, Spagna e Grecia di spendere tutti i soldi in alcol e donne. Dijsselbloem, da Presidente Eurogruppo, ha appoggiato il piano di salvataggio della Grecia che ha massacrato milioni di cittadini con tagli a stipendi, pensioni, sanità e istruzione. Sempre lui ha avallato nel 2013 il prelievo forzoso nelle tasche dei risparmiatori ciprioti per salvare le banche. Fare informazione significa anche raccontare queste verità che qualcuno, nostalgico dell’establishment finanziario, vorrebbe occultare”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

“Vincenzo De Luca impresentabile”: il gup di Salerno proscioglie Antonello Caporale

prev
Articolo Successivo

Lenin è di destra. Lo dice il demenziale fascistometro

next