Roma? La Raggi è un emblema di ignoranza, incompetenza, mancanza di trasparenza. E’ una vergogna averla un minuto in più in Campidoglio. I romani dovrebbero mettersi sulla scaletta della Piazza del Campidoglio e impedire democraticamente e pacificamente l’ingresso alla Raggi. La Raggi deve andare a casa con urgenza perché è la vergogna più assoluta”. Sono le parole pronunciate ai microfoni di “Ho scelto Cusano” (Radio Cusano Campus) dal senatore di Forza Italia, Maurizio Gasparri, che critica fortemente la manovra del governo gialloverde, con toni particolarmente severi sul M5s. “Non so se Salvini staccherà la spina al governo” – spiega – “So solo che questo governo a trazione grillina sull’economia ha bloccato il Pil, visto che la crescita è zero. Ha fatto tornare a crescere la disoccupazione perché il decreto dignità è un decreto povertà, che blocca l’economia. Il risparmio degli italiani si è svalutato, il valore degli immobili sta calando. Le cose vanno molto male. Per l’economia è una catastrofe e io considero l’ignoranza e l’incompetenza dei 5 Stelle nefasta per l’Italia”.

E aggiunge: “Che Toninelli, Di Maio, Bonafede e Fraccaro facciano i ministri è una cosa sconcertante, inconcepibile e dannosa. La loro ignoranza è nefasta per il Paese. Terreni gratis alle coppie con terzo figlio? Non so quanti figli abbiano i ministri che ho citato ma spero che la norma possa essere applicata a loro: facciano figli e vadano a zappare”.

Poi rincara: “I grillini sono incoerenti su tutto. Sono dei bugiardi costituzionali. Sono costituiti, impastati di menzogne. Hanno mentito sul Tap rubando voti in Puglia, dicono bugie sul reddito di cittadinanza, sulle pensioni, sui condoni. Sono bugiardi, mentitori, cialtroni. Sono una piaga d’Egitto. Vanno cacciati democraticamente via, perché sono persone ignoranti e bugiarde”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Di Maio: “A novembre il secondo restitution day. Poi proporremo il taglio per tutti i deputati”

prev
Articolo Successivo

Scontro Petrini-Minniti: “Perché se l’è presa con le Ong e non con l’Europa?”. L’ex ministro: “Ma lei sostiene Salvini?”

next