La realizzazione del Tap “non è che non è più conveniente farla, è che non ci sono alternative“, alla luce del fatto che “ci sono penali per quasi venti miliardi di euro”. Lo dice il vicepresidente del Consiglio, Luigi Di Maio, sottolineando che, prima di diventare ministro, “al M5s non hanno mai fatto leggere alcunché”. “E quando quelli che sono andati a braccetto con le peggiori lobby di questo Paese parlavano di Tap l’unica cosa che ci dicevano – aggiunge – è che eravamo nemici del progresso. Non ci hanno mai detto che c’erano penali da pagare”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Pd, il primo ministro spagnolo Sanchez: “Un onore stare dalla parte dell’Italia che non si rassegna di fronte alla paura”

next
Articolo Successivo

Il Senato non ha niente da votare: l’Aula va in vacanza per dieci giorni. Le commissioni lavorano su dl Fisco e Sicurezza

next