La realizzazione del Tap “non è che non è più conveniente farla, è che non ci sono alternative“, alla luce del fatto che “ci sono penali per quasi venti miliardi di euro”. Lo dice il vicepresidente del Consiglio, Luigi Di Maio, sottolineando che, prima di diventare ministro, “al M5s non hanno mai fatto leggere alcunché”. “E quando quelli che sono andati a braccetto con le peggiori lobby di questo Paese parlavano di Tap l’unica cosa che ci dicevano – aggiunge – è che eravamo nemici del progresso. Non ci hanno mai detto che c’erano penali da pagare”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Pd, il primo ministro spagnolo Sanchez: “Un onore stare dalla parte dell’Italia che non si rassegna di fronte alla paura”

next
Articolo Successivo

Il Senato non ha niente da votare: l’Aula va in vacanza per dieci giorni. Le commissioni lavorano su dl Fisco e Sicurezza

next