“Nel decreto Genova non c’è alcun condono. Il condono è una legge fatta in passato. Noi velocizziamo solo le pratiche per le case cadute dopo il terremoto, non riguarda tutta Ischia ma solo tre Comuni e solo le case colpite. Così il vicepremier Luigi Di Maio, nega l’esistenza di sanatorie per Ischia (come già lo scorso sabato), al termine dell’incontro con gli studenti al ministero del Lavoro.
Eppure l’articolo 25 del ‘Decreto emergenze’ prevede una sanatoria tombale per l’isola campana, che fa riferimento alle disposizioni del primo condono, ossia la legge 47/1985 approvato dal governo Craxi, che consente di sanare edifici che i due condoni dei governi Berlusconi – 1994 e 2003 – vietavano perché posti in aree pericolose dal punto di vista sismico, idrogeologico, oltre che vincolate paesaggisticamente. Queste potranno essere ricostruite con soldi pubblici. Si tratta di case che vanno ricostruite, se poi non vogliamo ricostruirle non ci vuole niente: qualcuno lo dica e le blocchiamo, ma non c’e’ alcun condono. Chi lo dice non ha letto la norma” conclude il vicepresidente del Consiglio.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Napoli, in Consiglio primo esponente Lega di Salvini. Vincenzo Moretto (ex Msi, poi An) passa al Carroccio

next
Articolo Successivo

Migranti, Varoufakis: “Salvini xenofobo, riporta l’Italia verso il fascismo. Di Maio a letto con lui, ora deve dormirci”

next