Al convegno annuale dei giuslavoristi dell’Agi (Associazione Giuslavoristi Italiani) – in corso fino a sabato 27 ottobre a Bologna – si confrontano visioni diverse su presente e futuro del mondo del lavoro. Tra i temi dibattuti, una prima verifica sul campo del “decreto Dignità”. “Non funziona, non riduce la precarietà ma fa aumentare il turnover”, spiega il presidente dell’Agi Aldo Bottini. “Forse è insufficiente ma è giusto il tentativo del legislatore di mettere vincoli alle aziende e tornare al contratto a tempo determinato”, ribatte il vice-presidente dell’associazione Vincenzo Martino.

L’argomento centrale del convegno è il “lavoro 4.0.”. Quali garanzie per i lavoratori nel mondo nuovo della gig-economy? I due esponenti di vertice dell’associazione anche su questo esprimono opinioni diverse. “Non è necessario per dare diritti a queste persone inquadrarle come lavoratori subordinati; si possono concedere garanzie anche mantenendo una natura autonoma del rapporto di lavoro”, afferma l’avvocato Bottini. L’avvocato Martino obietta: “Sono gli ultimi della terra, sono gli sfruttati dell’economia 4.0, non hanno il minimo di tutele riconosciute in altri ordinamenti, dalla California al Regno Unito”.
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Centri per l’impiego, sarà rivoluzione. Se il sistema è tutto digitale, potenziarli non servirà

prev
Articolo Successivo

Manovra, anche “quota 100” andrà in un ddl. Bongiorno: “Per gli statali norma ad hoc, va garantita continuità dei servizi”

next