Stava ispezionando la diga-invaso all’altezza della frazione di San Bartolo, a Ravenna, quando parte della struttura ha ceduto a causa di una frana. Per questo un tecnico è precipitato nelle acque del fiume Ronco e ora è disperso.  La ricerca è stata affidata ai sommozzatori dei vigili del Fuoco arrivati a bordo di un gommone e calatisi da una gru. L’uomo ha 50 anni ed era il sorvegliante dei fiumi della Protezione civile regionale.

Sul posto, oltre alla protezione civile e alle forze dell’ordine, sono presenti anche i tecnici della linea elettrica: si teme che il cavo dell’alta tensione da 15mila volt che attraversava la diga si sia spezzato con conseguente potenziale pericolo per i soccorritori.

La struttura che ha ceduto si trova lungo il tratto della Statale 67 ravegnana, chiuso temporaneamente al traffico a scopo precauzionale per dei movimenti franosi all’altezza proprio della frazione di San Bartolo.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Bergamo, la Regione mette all’asta un’ex chiesa: diventerà una moschea. Il Pd: “Autogol da centrocampo della Lega”

prev
Articolo Successivo

Milano, centinaia in fila per trovare un donatore di midollo per il piccolo Alessandro: l’appello partito dai social

next