“Il Parlamento ha una grande occasione, una forza in più. Con questo tipo di spinta e con l’impegno preso alla trattazione delle leggi di iniziativa popolare anche dal presidente della Camera, la strada è spianata perché il parlamento legiferi sul suicidio assistito“. Commenta così Marco Cappato la decisione della Consulta arrivata oggi sull‘articolo 580 del codice penale che punisce con la stessa pena l’aiuto al suicidio e l’istigazione (da 5 a 12 anni). “Se non dovesse farlo, la consulta ha comunque dato una scadenza, quella del 24 settembre 2019, per porre fine a questa inerzia delle istituzioni. È un grande successo di Fabo”, dice Cappato. “Senza di lui non saremmo qui”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ponte Morandi, interrogatori a Spea: “Relazioni tecniche ammorbidite”. La società: “I nostri controlli sono affidabili e verificati”

next
Articolo Successivo

Tap, un perito nominato dal gip è collega di un consulente della multinazionale. Emiliano ne chiede la sostituzione

next