Il terremoto aveva colpito l’isola di Ischia da 48 ore, provocando il crollo di diverse case e la morte di due persone. E Luigi Di Maio, all’epoca deputato del M5s, in un comizio, datato 23 agosto 2017, diceva: “Chiedo a tutti i parlamentari della Repubblica e tutti i giornalisti italiani di andare a vedere se esiste una proposta di legge di condono, a firma Luigi Di Maio, che riguarda Ischia o qualsiasi altra Regione. Se la trovano, mi iscrivo al Pd“.
Nella notte i relatori Gianluca Rospi (M5s) e Flavio Di Muro (Lega) hanno presentato un emendamento all’articolo 25 del decreto Genova, votato in commissioni Ambiente e Trasporti alla Camera, in cui si legge che “il contributo (alla ricostruzione post terremo per gli edifici, ndr) non spetta per la parte relativa a eventuali aumenti di volume oggetto al condono“. Per tutti gli altri casi, secondo la lettura di Legambiente, sì.

Per il presidente Stefano Ciani, infatti, è prevista “una sanatoria tombale secondo la quale si devono concludere  i procedimenti ancora pendenti per gli immobili distrutti o danneggiati dal sisma del 2017, facendo riferimento alle sole disposizioni del primo condono, ossia la legge 47/1985 approvato dal governo Craxi. Una norma che consentirebbe di sanare edifici che perfino i due condoni approvati successivamente dai governi Berlusconi nel 1994 e 2003 vietavano, proprio perché posti in aree pericolose da un punto di vista idrogeologico e sismico, oltre che vincolate paesaggisticamente”.

L’emendamento all’articolo 25 “è un imbroglio – afferma Ciafani – perché aggiunge un passaggio, il nulla osta paesaggistico, già previsto nella normativa del 1985, e conferma i contributi pubblici per gli edifici abusivi, escludendoli solo per gli aumenti di cubatura”. La richiesta di Legambiente, dunque, rivolta a Di Maio e M5s, è di cancellare quella che viene definita una norma “salva abusi”, perché “se per la Lega non è una novità, considerato che ne ha già approvati due nelle scorse legislature”, per i 5 stelle “lo sarebbe”.

Per Rospi, al contrario, non ci sarebbe nessun condono, ma solo la volontà di sbloccare la ricostruzione delle abitazioni colpite dal terremoto”.
Il video di Di Maio è stato pubblicato su Twitter dal presidente del Pd Napoli, Tommaso Ederoclite.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Dl Genova, sanatoria per Ischia resta ma si restringe. Legambiente: “Soldi pubblici negati solo per gli aumenti di cubatura”

next
Articolo Successivo

Mattarella ai Comuni: “Nessuno può sottrarsi all’equilibrio dei bilanci. Da disordine conti contraccolpi sui deboli”

next