Il terremoto aveva colpito l’isola di Ischia da 48 ore, provocando il crollo di diverse case e la morte di due persone. E Luigi Di Maio, all’epoca deputato del M5s, in un comizio, datato 23 agosto 2017, diceva: “Chiedo a tutti i parlamentari della Repubblica e tutti i giornalisti italiani di andare a vedere se esiste una proposta di legge di condono, a firma Luigi Di Maio, che riguarda Ischia o qualsiasi altra Regione. Se la trovano, mi iscrivo al Pd“.
Nella notte i relatori Gianluca Rospi (M5s) e Flavio Di Muro (Lega) hanno presentato un emendamento all’articolo 25 del decreto Genova, votato in commissioni Ambiente e Trasporti alla Camera, in cui si legge che “il contributo (alla ricostruzione post terremo per gli edifici, ndr) non spetta per la parte relativa a eventuali aumenti di volume oggetto al condono“. Per tutti gli altri casi, secondo la lettura di Legambiente, sì.

Per il presidente Stefano Ciani, infatti, è prevista “una sanatoria tombale secondo la quale si devono concludere  i procedimenti ancora pendenti per gli immobili distrutti o danneggiati dal sisma del 2017, facendo riferimento alle sole disposizioni del primo condono, ossia la legge 47/1985 approvato dal governo Craxi. Una norma che consentirebbe di sanare edifici che perfino i due condoni approvati successivamente dai governi Berlusconi nel 1994 e 2003 vietavano, proprio perché posti in aree pericolose da un punto di vista idrogeologico e sismico, oltre che vincolate paesaggisticamente”.

L’emendamento all’articolo 25 “è un imbroglio – afferma Ciafani – perché aggiunge un passaggio, il nulla osta paesaggistico, già previsto nella normativa del 1985, e conferma i contributi pubblici per gli edifici abusivi, escludendoli solo per gli aumenti di cubatura”. La richiesta di Legambiente, dunque, rivolta a Di Maio e M5s, è di cancellare quella che viene definita una norma “salva abusi”, perché “se per la Lega non è una novità, considerato che ne ha già approvati due nelle scorse legislature”, per i 5 stelle “lo sarebbe”.

Per Rospi, al contrario, non ci sarebbe nessun condono, ma solo la volontà di sbloccare la ricostruzione delle abitazioni colpite dal terremoto”.
Il video di Di Maio è stato pubblicato su Twitter dal presidente del Pd Napoli, Tommaso Ederoclite.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Dl Genova, sanatoria per Ischia resta ma si restringe. Legambiente: “Soldi pubblici negati solo per gli aumenti di cubatura”

next
Articolo Successivo

Mattarella ai Comuni: “Nessuno può sottrarsi all’equilibrio dei bilanci. Da disordine conti contraccolpi sui deboli”

next