Matteo Renzi presentatore da talk-show? Prova superata, almeno per la Leopolda e i suoi militanti fedelissimi. “Posso finalmente realizzare il sogno della mia vita: posso fare il conduttore televisivo. Sono felicissimo”, ha rivendicato Renzi di fronte ai suoi seguaci, nel corso della seconda giornata di lavori della Leopolda 9, nell’insolita veste di conduttore. A Renzi non sembra bastare il già noto documentario sulle bellezze di Firenze. Così sul palco resta più di due ore, non da premier o da segretario del Pd, ruoli ormai lontani nel tempo. Ma nella nuova veste dell’intervistatore: con lui Roberto Burioni e Paolo Bonolis, oltre che Federica Angeli, la giornalista in prima linea contro la mafia a Ostia,e Rula Jebreal. E non solo. E la Leopolda? Non lo boccia, anzi.

Presentatore o politico? Resta un dilemma, la platea è divisa. Perché a Firenze, tra i suoi fedelissimi, il Renzi ‘politico’ è ancora considerato l’unico leader. E le batoste elettorali per tre giorni sembrano un ricordo. “Se può tentare di riciclarsi dopo diverse sconfitte? Non è il suo ruolo”, taglia però corto una fedelissima. “Va bene sempre, qualsiasi cosa faccia”, recitano altri in coro. E c’è pure chi azzarda: “Chissà, lo vedo bene al posto di Fazio”. Per ora, lo show è superato.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Italia 5 stelle, Cancelleri: “Reddito di cittadinanza? Se serve, andrò casa per casa a dire di non avere fretta”

next
Articolo Successivo

Leopolda 9, la diretta della giornata conclusiva. Il discorso di Matteo Renzi

next