Sentiti” i vice commissari, al posto di “d’intesa con”. È bastato sostituire una parola per escludere, potenzialmente, quattro presidenti di regione e – per ora formalmente – tutta una serie di sindaci dal processo decisionale per la ricostruzione nelle zone terremotate del Centro Italia. O meglio, renderli ininfluenti all’interno di una cabina di regia che potrebbe non avere più motivo di esserci. La modifica decisiva, su proposta della maggioranza, è arrivata in nottata all’interno del cosiddetto Decreto Emergenze, provvedimento in discussione in queste ore nelle commissioni congiunte Ambiente e Trasporti alla Camera e che al suo interno, oltre agli interventi per Genova, comprende anche la gestione post-sisma 2017 di Ischia e la ricostruzione nei territori colpiti nel 2016 – da Amatrice a Norcia – a cavallo fra Umbria, Marche, Lazio e Abruzzo. Secondo la nuova versione le decisioni dovranno essere prese “dal Commissario straordinario sentiti i vice-commissari”, e non più “d’intesa con i vice-commissari”, dunque con un passaggio che diventa solamente consultivo e non più vincolante. Al contrario di quanto avvenuto finora, con ordinanze concertate e varate all’interno dei cosiddetti “comitati per la ricostruzione”, di cui fanno parte il commissario e i presidenti di regione (sub commissari)

Il blitz della maggioranza gialloverde ha evidentemente fatto infuriare i quattro governatori – Catiuscia Marini, Luca Ceriscioli, Nicola Zingaretti e Giovanni Lolli, non a caso tutti in quota Partito Democratico – che hanno annunciato di voler disertare l’incontro previsto nei prossimi giorni con il nuovo commissario Piero Farabollini, nominato dal vicepremier Luigi Di Maio il 4 ottobre scorso. “A causa delle scelte compiute non si comprende più quale sia il senso e la funzione di questo Comitato”, hanno scritto i quattro presidenti in una nota congiunta, affermando anche che “questa svolta centralista del Governo è grave e miope perché moltissime scelte della ricostruzione impattano direttamente con norme e leggi di carattere regionale”. Il provvedimento viene però difeso dai parlamentari pentastellati e dai leghisti: “Abbiamo fatto nostre le istanze che giungevano dalle comunità colpite dal terremoto del Centro Italia, da sindaci, presidenti di Regione e cittadini. E stiamo lavorando in commissione per inserirle nel decreto emergenze e sbloccare finalmente la ricostruzione ferma da due anni”, hanno detto i deputati Patrizia Terzoni del Movimento 5 Stelle e Tullio Patassini della Lega, cofirmatari degli emendamenti.

Il testo accentra nelle mani del commissario un potere che sarà lui – di concerto con il Governo – a dover decidere come e con chi gestire. Sebbene quella di Farabollini sia una scelta “calata dall’alto”, a differenza di quanto avvenuto per Genova, l’individuazione di un geologo del Cnr nato a Macerata (fra le province più colpite dalla scia sismica) dovrebbe garantire una maggiore vicinanza ai sindaci del territorio, pur finendo per scavalcare i presidenti della Regione. O, per lo meno, è quello che si augurano gli amministratori dei comuni del cratere: “Se l’intenzione è quella di snellire le procedure, ben venga – commenta Paolo Trancassini, sindaco di Leonessa e deputato di Fratelli d’Italia – ma devono essere chiare le procedure di partecipazione del territorio, cosa che da questo testo non si evince minimamente. Aspettiamo che il commissario ci comunichi il nuovo modus operandi, ma finora a livello formale le esigenze dei territori non sono vengono garantite”. Ancora più schietto Sergio Pirozzi, sindaco di Amatrice e consigliere regionale del Lazio, che attacca i protagonisti del dibattito politico: “Invece di blaterare, venite a vivere per un po’ nella distruzione, così capirete la mancanza di prospettive economiche di garanzie sulla tutela della salute e vivrete le paure dei nostri bambini e le ansie dei nostri nonni. Quella dei palazzi del potere è aria fritta”.

D’altronde, la posta politica in gioco è molto elevata, sia in termini economici che d’immagine. Ieri, ad esempio, la Protezione Civile ha comunicato l’approvazione delle ultime proposte progettuali di utilizzo delle somme residue, pari a 366.012,51, raccolte attraverso gli sms solidali. Soldi che vanno ad aggiungersi ai 34.171.821,52 già approvati in precedenza dal Comitato dei garanti, per un ammontare totale che supera i 34,5 milioni di euro.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Senato, bagarre in Aula. Toninelli agli studenti sugli spalti: “Pd e FI vi hanno rubato il futuro”. Insorgono dem e forzisti

next
Articolo Successivo

Manovra, Boccia: “Scivolone di Di Maio ma problema non è lui. Norma salva-evasori è grave e inserita dalla Lega”

next