Bagarre e tensioni in Senato, durante il Question Time, con il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Danilo Toninelli, chiamato a replicare ai gruppi parlamentari sul dossier Genova e su opere come Terzo valico e Gronda. Il motivo? Dopo alcuni interventi polemici dei senatori dem Bruno Astorre e Roberta Pinotti, Toninelli ha preso la parola e, rivolgendosi ad alcuni studenti e docenti sugli spalti di Palazzo Madama, ha attaccato: “Essere criticato da esponenti del Pd e di Forza Italia che hanno rubato il futuro ai ragazzi su questi spalti rovinando questo Paese mi riempie di grande orgoglio”.
Parole che hanno scatenato la reazione sdegnata e furente dai banchi dem e forzisti. Tra questi, protagonisti la senatrice Simona Malpezzi e Davide Faraone, che hanno esporto anche alcuni cartelli con scritto “Toninelli esci dal tunnel”.  Tra le urla dei senatori dem e le repliche sarcastiche del ministro, il presidente di turno, Roberto Calderoli, ha dovuto riprendere a gran voce alcuni senatori, mentre in Aula ormai il clima era diventato infuocato. “Comprendo lo stato di nervosismo, se non di panico, di chi ha gestito il Paese in questi ultimi cinque anni. Questi signori hanno regalato la cosa pubblica agli imprenditori di Stato. Le loro critiche devono essere motivo di orgoglio”, ha aggiunto Toninelli, mentre continuavano le contestazioni dai banchi del Pd e di FI.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

“Vergognatevi, non arrivo a fine mese”. Renzi criticato in diretta Facebook. Lui replica: “Mi paghi tu lo stipendio”

prev
Articolo Successivo

Terremoto Centro Italia, decreto emergenze esclude governatori e sindaci. La rivolta dei presidenti di Regione

next