Da oggi in Italia e nel resto del mondo è possibile usare Google Maps per cercare stazioni di ricarica per le auto elettriche. La novità è stata annunciata da Google tramite il blog dedicato a Maps ed è accessibile sia da smartphone sia da computer desktop. Quindi di fatto è sufficiente scaricare l’app gratuitamente via Google Play Store o Apple Store oppure aggiornarla.

Google Maps diventa quindi un po’ più comodo per chi possiede un’auto elettrica, giacché non sarà più necessario aggiungere punti di interesse personalizzati al proprio navigatore, e sarà più semplice trovare una colonnina quando ci si trova lontano da casa.

Google Maps colonnine ricarica elettrica

Per trovare una colonnina infatti basta digitare “stazioni di ricarica” o “EV Charging Station” in inglese nella stringa di ricerca della app – che normalmente si usa per le destinazioni. Per ogni colonnina, Google cerca di fornire anche informazioni sul luogo dov’è posizionata, il tipo di connettore utilizzato (le auto elettriche non sono tutte uguali), la velocità di ricarica possibile, e il numero di postazioni esistenti. Tutte informazioni molto importanti. Per esempio se la colonnina è nel parcheggio di un supermercato potrebbe essere un vantaggio per alcuni fare anche la spesa. Diversamente, per altri potrebbe essere solo uno stress.

Se la stazione più vicina carica lentamente l’auto, magari preferisco fare qualche chilometro in più e usarne una più veloce. Similmente, i risultati per ricerche di cose diverse – per esempio “supermercato” – ora mostreranno anche informazioni sulle colonnine di ricarica, se presenti.

Si tratta, è bene ricordarlo, di una novità e quindi ci sono i classici “difetti di gioventù”. In particolare, molte colonnine non compaiono nei risultati e, come spesso accade, se si conosce il territorio probabilmente si è più “informati” di Google Maps. I risultati tuttavia sono già alla pari con quelli di servizi specializzati come per esempio colonnineelettriche.it o goelectricstations.it, anche sei poi in alcune zone qualcuno fa meglio degli altri. Infine, la localizzazione del servizio in italiano e in inglese non è ancora totalmente uniformata: vi sono discrepanze dei risultati che probabilmente nei prossimi mesi verranno risolte.

In concreto, significa che trovandosi vicino a casa sarà più semplice andare direttamente dove sapete che c’è una colonnina adatta alla vostra auto. In viaggio, invece, quando non si sa dove andare, Google Maps può rappresentare un aiuto prezioso per chi guida un’elettrica.

Un servizio di questo tipo rappresenta un nuovo, piccolo incentivo all’acquisto di un’elettrica. Poter trovare facilmente un punto di ricarica è, o era per meglio dire, uno dei piccoli ostacoli da affrontare; quelli più rilevanti restano il prezzo di acquisto e l’autonomia, ma anche queste criticità, con il tempo, verranno risolte.