“Volevo mandare un messaggio a Cristina Parodi che dice che quelli che votano per Salvini sono degli ignoranti. Ignoranti vuol dire senza conoscenza, e lei che non sa più quante corna c’ha, ma glielo dico io: una per ogni lentiggine se riesce a contarsele e che vada con la su’ sorella, insieme ai tegami”. Ha postato questo messaggio Sonia Avolio, assessore allo Sviluppo di Fratelli d’Italia a Cascina (Pisa), per fare arrivare chiaro alla giornalista, oggi in Rai, cosa pensi delle sue esternazioni sulla Lega. Nei giorni scorsi la conduttrice ha infatti dichiarato ai microfoni di Radio 2 che il successo politico della Lega è dovuto anche anche a una buona dose di ignoranza. Dopo avere postato il video, in tanti hanno scritto commenti critici sulla bacheca di Avolio, che ha addirittura la delega alle pari opportunità nella giunta della leghista Susanna Ceccardi, nominata da Matteo Salvini commissario della Lega Toscana. L’assessora non ha rimosso il video e sulla sua bacheca ha postato un altro messaggio: “Chiedo scusa se qualcuno si è sentito offeso dal mio video: volevo fare ironia e non mi è riuscito. Sono greve, non cattiva”.

Sul caso è intervenuta la senatrice Pd Simona Malpezzi, vicepresidente del gruppo dem a Palazzo Madama, che ha criticato la sindaca leghista e manifestato solidarietà alla Parodi. “La sindaca di Cascina, commissaria della Lega in Toscana, Susanna Ceccardi, non ha nulla da ridire sullo stile della sua assessora Avolio che non trova di meglio da fare che offendere una donna? – ha detto la parlamentare -. Alle critiche politiche si dovrebbe rispondere con posizioni politiche. Sempre che se ne abbiano. Sonia Avolio si vergogni e si dimetta. Solidarietà a Cristina Parodi”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Salvimaio, il nuovo spettacolo di e con Andrea Scanzi. Le date del tour

prev
Articolo Successivo

Salvini: “Tutti contro di noi: giornali, tg, radio, gente che non ha fatto una mazza per 20 anni”. E attacca Fabio Fazio

next