Dopo un lungo braccio di ferro tra la ong Mediterranea, le autorità de La Valletta e quelle di Roma, 70 migranti che rischiavano la vita a bordo di un barcone in acque internazionali sono stati portati in salvo dalla Guardia Costiera italiana e si trovano ora al sicuro nel porto di Lampedusa. L’imbarcazione, partita dalla Libia con a bordo persone di origine eritrea, siriana, e ghanese, è stata avvistata venerdì notte e, secondo le prime ricostruzioni, avrebbe fatto una traversata di oltre 24 ore.

“Altre 70 vite salvate dalla Guardia costiera italiana e al sicuro nel porto di Lampedusa. Siamo felici di apprendere che, dopo una notte di monitoraggio e segnalazioni, queste persone siano in salvo in Italia. La missione di #MareJonio continua. #savinghumans“, scrive su Twitter l’organizzazione umanitaria che ha partecipato ai soccorsi.

LA VICENDA – Il barcone è stato avvistato per primo da un peschereccio tunisino. In quel momento si trovava a 18 miglia da Lampedusa, in acque di competenza maltesi. Le autorità dell’isola hanno lanciato, però, un messaggio di allerta alla nave più vicina, la “Mare Jonio” appunto, dichiarando di “non avere i mezzi di soccorso disponibili“. La ong ha comunicato anche via Twitter l’emergenza, chiedendo aiuto alle autorità italiane. “Malta dichiara di non avere assets e ci chiede di recarci sul posto. Il gommone è a circa 13NM da #MareJonio e a 26NM da Lampedusa. Stiamo andando ma chiediamo intervento Italia prima che sia troppo tardi”.

La richiesta d’aiuto è così arrivata alla Guardia Costiera italiana. La centrale operativa di Roma, a sua volta, ha risposto alla Mare Jonio che l’area era di competenza maltese e quindi per le operazioni di soccorso bisognava “fare riferimento alle loro autorità”. La nave dell’ong si è così mossa verso la posizione indicata dal motopesca tunisino, ma non ha trovato nulla: le informazioni erano errate, e il peschereccio si era allontanato dall’imbarcazione in avaria. Il gommone ha quindi continuato a navigare autonomamente, giungendo fino a meno di tre miglia dal porto di Lampedusa, dove un mezzo della Guardia costiera italiana è intervenuto, portando in salvo i 70 migranti.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Pedofilia, Papa Francesco dimette due vescovi cileni dallo stato clericale. E con Echenique parla degli abusi del clero

next