“Penso che quella di Marco Minniti sia una buona candidatura, spero che le primarie non diventino ancora una questione di chi sta con Renzi e chi contro, sennò siamo punto e a capo”. Così il sindaco di Milano, Giuseppe Sala, ha commentato la lettera appello di alcuni sindaci del Pd all’ex ministro dell’Interno, Marco Minniti, perché decida di candidarsi alle primarie. “Vediamo un po’ innanzitutto che Minniti accetti e poi vediamo se due persone di rilievo come Zingaretti e Minniti, che non sono gli unici due candidati ma sono i più visibili, riescono a spostare il dibattito rapidamente sui contenuti – ha aggiunto -. Ad oggi vedo cominciare di nuovo il tormentone su chi è più vicino a Renzi o chi è più lontano da Renzi. Certamente, non è quello che ci serve”. Ai giornalisti che gli hanno chiesto se si esprimerà sulla sua preferenza tra i candidati, a margine dell’inaugurazione del nuovo anno del corso della scuola di Politiche di Enrico Letta, il sindaco ha riposto che “no, tendenzialmente no. Non l’ho fatto la volta scorsa, continuerò a non farlo. In generale non sono uno che sfugge ai giudizi, se avessi la tessera del Pd, dovrei esprimermi – ha concluso -. Penso che continuerò a cercare di fare la mia opera di stimolo rispetto alle questioni, di far funzionare Milano perché è importante per il Pd e di rendermi disponibile per dare una mano prima, dopo però non mi esprimerò. Ma per chi viene a Milano, come ho fatto con Zingaretti e ieri per Calenda, certamente ci sarò”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Tria sull’imitazione di Crozza: “Esilarante, non potevo non ridere. Prima ho aperto la borsa e ho pensato ‘lo faccio come lui'”

prev
Articolo Successivo

Corteo studenti, Di Maio: “I manichini bruciati? Spero che denuncia vilipendio venga archiviata. È un reato medievale”

next