L’Italia ha nel suo Dna la promozione del dialogo. E oggi l’Assemblea Generale dell’Onu ha riconosciuto il nostro ruolo nel Mediterraneo e nel mondo, il nostro essere sempre in prima fila quando si tratta di tutelare e salvaguardare i diritti umani”. Così il premier Giuseppe Conte con un post su Facebook ha commentato l’elezione dell’Italia nel Consiglio dei Diritti Umani dell’Onu per il triennio 2019-2021. Il Paese è stato scelto quasi all’unanimità, con 180 voti su 189, piazzandosi quinto dopo India (188 voti), Fiji (187), Burkina Faso (183) e Togo (181) e a pari merito con Bulgaria e Bahamas.

“Qualche settimana fa, parlando all’Assemblea Generale delle Nazioni Unite, avevo sostenuto con forza e convinzione la nostra candidatura, consapevole che il rispetto dei diritti inviolabili dell’uomo è uno dei pilastri sui quali si fonda la Repubblica Italiana e rappresenta il nostro faro. Da sempre, ma soprattutto oggi che siamo chiamati ad affrontare le sfide che derivano dalle gravi e prolungate crisi nell’area mediterranea, inclusi i flussi migratori”, ha proseguito il presidente del Consiglio dei ministri. Conte ha poi concluso spiegando i motivi della candidatura, inoltrata proprio l’anno del 70esimo anniversario della Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo: “Pace, sviluppo, sicurezza sono i nostri obiettivi e le linee guida della nostra missione politica”.

Anche l’ambasciatrice Mariangela Zappia, rappresentante permanente al Palazzo di Vetro, ha espresso soddisfazione per il risultato raggiunto: “Questo conferma il nostro tradizionale impegno nella protezione e promozione dei diritti umani nel mondo e il patrimonio di credibilità di cui il nostro paese gode su queste specifiche tematiche e all’Onu in generale”. Un riconoscimento importante, secondo la diplomatica, anche per “risolvere questioni più delicate tra Stati, come quelle legate al rispetto dei diritti della persona“. Tra i punti fermi che l’Italia sosterrà in questo triennio di Consiglio, secondo la Zappia, ci saranno la condanna alla xenofobia, il contrasto ad ogni forma di discriminazione, la battaglia per i diritti delle donne e dei bambini e la lotta contro la pena di morte e il traffico di esseri umani.

Dal canto suo il ministro degli Esteri e della Cooperazione internazionale, Enzo Moavero Milanesi, sottolinea il peso della votazione: “Questi numeri dimostrano il significativo e convinto apprezzamento dell’intera Comunità Internazionale per l’intenso e costante impegno dell’Italia a favore della tutela e della difesa dei diritti umani. Diritti che sono un pilastro dell’ordinamento giuridico della Repubblica e un riferimento imprescindibile della politica estera italiana”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Inps, incentivi ai medici che tagliano prestazioni. Insorgono anche i sindacati: ‘Siamo indisponibili a ratificarli in accordi’

next
Articolo Successivo

Decreto Salvini, la denuncia dell’associazione di avvocati: “Aumenta l’irregolarità nel nostro Paese”

next