Titoli di Stato ancora sulla graticola nel giorno delle aste. E così in scia a rendimenti che si sono riavvicinati a quota 3,6%, il differenziale tra i decennali italiani e gli omologhi tedeschi – in apertura era a 302 punti dai 297 di mercoledì – è volato oltre quota 310 per ritracciare subito dopo le aste e ha chiuso a 294.

Giovedì mattina il Tesoro ha venduto sul mercato titoli di Stato per un totale di 6,5 miliardi. Tra questi il nuovo Btp a tre anni di cui sono stati venduti 3,5 miliardi in cambio di interessi al 2,51%, massimo dal settembre 2013 e più del doppio rispetto all’1,2% di settembre. Per quanto riguarda le altre tre aste, il tasso sul titolo a  7 anni (1,5 miliardi di euro) è stato del 3,28%, +74 centesimi, quello sul 15 anni (941,7 milioni) ha raggiunto il 3,66% e quello sul 30 anni (558,3 milioni) il 3,79%. Mercoledì l’asta dei Bot aveva visto i rendimenti raddoppiare rispetto a settembre a quota 0,949%.

E così, rileva Radiocor, sul triennale gli interessi corrisposti per ogni miliardo emesso sono passati dai 12 milioni dell’asta dello scorso settembre agli oltre 25 milioni di ottobre. In totale, per i 3,5 miliardi di euro piazzati giovedì sulla scadenza a 3 anni, il servizio del debito è pari a 88 milioni di euro all’anno. Per i Btp settennali gli interessi in capo al Tesoro sono saliti a 32,8 milioni per ogni miliardo emesso (per 1,5 miliardi il totale è pari a 49,2 milioni) mentre il 13 settembre scorso il costo era pari a 25,5 milioni per ogni miliardo.

Sul fronte azionario, Piazza Affari ha aperto in negativo (-1,27%) come tutte le borse europee in scia al crollo di Wall Street e dei mercati asiatici e ha chiuso a -1,84%. Pesano anche la minaccia di taglio del rating da parte di Fitch e le incertezze sulle coperture da trovare per le misure che saranno inserite nella legge di Bilancio.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Pensioni, Boeri su quota 100: “Debito salirà di 100 miliardi. Donne tradite e beffate”. Salvini: “Si dimetta e si candidi”

next