Dopo settimane di polemiche, al Senato è iniziata la discussione sulla nota di aggiornamento al Def, tra sfottò e provocazioni delle opposizioni al governo, la difesa di 5 Stelle e Lega e i banchi quasi vuoti per gli esponenti dell’esecutivo. Solo in pochi tra i membri dell’esecutivo hanno ascoltato il dibattito: in Aula era presente qualche sottosegretario (Massimo Garavaglia e Alessio Villarosa al Mef, Armando Siri alle Infrastrutture), mentre soltanto brevi comparse per i ministri M5s, Riccardo Fraccaro e Barbara Lezzi, e per la viceministro all’Economia Laura Castelli. La discussione è proseguita tra le provocazioni di Pd e Forza Italia. Tra queste, quella del senatore azzurro Antonio Saccone, che ha mostrato verso i banchi dell’esecutivo un cartello con il “Gioco della fortuna”: “A noi cittadini non ci resta altro che affidarci alla fortuna perché la serietà su questi conti non c’è”, ha rivendicato. Anche i senatori dem Faraone e Bellanova hanno attaccato il governo con toni sarcastici. “Sul reddito di cittadinanza Castelli dice che se un povero vuole andare all’Unieuro, vuole mandare la finanza. E se vuole prendere pure una lavatrice, che fate, mandate l’esercito?“, ha ironizzato la senatrice. Mentre Faraone ha attaccato la Lega: “Non ci sono investimenti in questa manovra, solo debiti che pagheranno le nuove generazioni. Trasformate il Mezzogiorno in una casa di riposo, in modo che Salvini e i suoi possano ancora chiamarci terroni. Pensano che siamo dei nullafacenti a cui dare una mancia e poi continuare a chiamarci terroni. Così ci portate al baratro”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Nasce ‘Forza Salvini’, corrente che vuole sostenere il governo. Forza Italia sospende il promotore

prev
Articolo Successivo

Salvini: “Negozietti etnici ritrovo di ubriaconi, chiuderanno entro le 21”. Confesercenti: “No a norme discriminatorie”

next