Alla Milan Games Week 2018, in occasione del programma “Giovani Promesse”, Gillette ha presentato Daniele “Prinsipe” Paolucci, una delle stelle dell’esport italiano. È un giocatore professionista di FIFA: come molti altri giovani talenti riescono a fare in tutto il mondo, ha fatto della sua passione una professione. Nel 2017 ha vinto il campionato europeo a Madrid, mentre nel 2018 ha raggiunto il terzo posto nel campionato del mondo per club con la sua squadra, i Mkers.

Daniele è il primo atleta Esport Red Bull italiano, alla pari di atleti come Ivan Zaytsev, Marc Marquez e esportivi come Enrique “xPeke” Cedeno Martinez, giocatore di League of Legends. Per Daniele ci sono più similitudini che differenze tra un atleta di videogiochi e uno di sport tradizionali: in comune hanno impegno, sacrificio, dedizione e allenamento. Le conferme arrivano anche dall’aspetto psicologico che deve essere trattato allo stesso identico modo in entrambi i casi.

(video di Fabio Abati)

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Recensione Oppo Find X, lo smartphone che sfida i top del mercato con le fotocamere a scomparsa

prev
Articolo Successivo

HP Sprocket, la stampante fotografica portatile che funziona con gli smartphone e non ha bisogno dell’inchiostro

next