Sono state interrotte le ricerche dei dispersi causati dal sisma e dallo tsunami che lo scorso 1° ottobre ha devastato l’isola di Sulawesi, in Indonesia, e in particolare la città di Palu, capoluogo del Sulawesi centrale. L’ultimo bollettino ufficiale parlava di 2.065 vittime e 650 dispersi. La conta dei morti, però, potrebbe raggiungere numeri molto più pesanti: alcune case, infatti, sprofondate per la liquidazione del suolo, sono invisibili alle riprese aeree. Mancherebbero all’appello, quindi, più di 5mila persone.

La data di cessazione delle ricerche – prevista inizialmente per venerdì scorso – è stata posticipata di quasi un’altra settimana. A quasi quindici giorni dal sisma, però, la possibilità di trovare persone vive sotto le macerie è considerata ormai nulla. La fine delle operazioni – annunciano le autorità indonesiane – è stata onorata con una preghiera di massa nei quartieri di Balaroa, Petobo e Jono Oge, tra i più colpiti di Palu. I volontari, anche provenienti dall’estero, potranno però continuare le ricerche in autonomia.

Nel frattempo, Unicef ha lanciato un appello per una raccolta fondi che risponda ai bisogni umanitari immediati dei bambini per i prossimi 6 mesi. I fondi aiuteranno a fornire servizi idrici, igienico-sanitari, per la salute, la nutrizione, l’istruzione e la protezione dell’infanzia ad un numero stimato di 475mila bambini.  “La nostra priorità maggiore al momento è assicurare che i bambini ricevano aiuti salvavita – ha dichiarato Debora Comini, rappresentante Unicef per l’Indonesia – ma i prossimi 6 mesi saranno fondamentali: lavoreremo per assicurare che ogni bambino colpito abbia un’equa opportunità di continuare il suo percorso di ripresa in corso e di ricostruire la sua vita in meglio in un ambiente sicuro e favorevole“.

Intanto nella notte tra mercoledì e giovedì, all’una e 44 locale, si è registrata un’altra scossa di magnitudo 6, che ha causato tre morti, tutti nell’isola di Madura, a nord della parte orientale dell’isola di Giava (dove c’è stato l’ipocentro, a 9 km di profondità). “A molte delle vittime è crollata la casa addosso nel sonno”, ha spiegato Sutopo Purwo Nugroho, portavoce della National Disaster Mitigation Agency.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Turchia, liberato l’attivista italiano Castellotti fermato 7 giorni fa. L’amica: “Nessun provvedimento di espulsione”

next
Articolo Successivo

Jamal Khashoggi svela l’altra faccia di Vision 2030: l’Arabia Saudita offre concessioni, ma aumenta la repressione

next