Sale a 1.200 il numero delle vittime causate dal terremoto di magnitudo 7.4 e dallo tsunami che venerdì hanno colpito l’isola di Sulawesi, in Indonesia. A riferirlo è Aksi Cepat Tanggap, una delle principali ong del Paese, mentre il conto del governo si ferma a 844 morti e oltre 59mila sfollati. Ma si tratta, in ogni caso, di cifre destinate a salire, dal momento che le zone più isolate non sono ancora state raggiunte dai soccorritori.

I soccorsi, infatti, sono complicati dalla mancanza di energia elettrica e dalle difficoltà di spostamento, con le principali strade rese inutilizzabili dalle frane. Una delle situazioni più critiche all’hotel Roa-Roa a Palu, capitale del Sulawesi centrale, la città – insieme a Donggala – più colpita dal cataclisma: due persone sono state estratte vive dalle macerie, ma si teme che possano essercene ancora fino a 60. Intanto, i volontari hanno iniziato a seppellire i corpi già estratti in grandi fosse comuni. A Poboya, nelle colline sopra Palu, si prevede di poter interrare circa 1.300 cadaveri.

Le autorità hanno dichiarato uno stato di emergenza di 14 giorni e il presidente indonesiano, Joko Widodo, ha autorizzato ad accettare gli aiuti internazionali di ong e agenzie umanitarie. Il governo stima che soltanto nel sobborgo di Petobo, nella zona sud della città, abbiano perso la vita 700 persone. Si fa sentire anche il problema dello sciacallaggio: diversi negozi sono stati saccheggiati dalla popolazione in difficoltà per reperire beni di prima necessità, come cibo, acqua e carburante, senza che la polizia intervenisse. Inoltre, a seguito del disastro circa 1.200 detenuti sono scappati da tre carceri tra Palu e Donggala. “Sono sicuro che sono fuggiti perché temevano che sarebbero stati colpiti dal terremoto. Questa è sicuramente una questione di vita o di morte per i prigionieri”, li ha giustificati un funzionario del ministero.

“Le difficoltà di accesso alle aree colpite sono un problema enorme in questa emergenza umanitaria. Anche se non sappiamo ancora qual è la reale estensione dell’emergenza, le proporzioni sono immense con danni catastrofici in molte aree. Grandi edifici sono crollati, le abitazioni sulla costa sono state spazzate via e le molte centinaia di vittime sono tristemente destinate ad aumentare“, ha dichiarato Tom Howells, direttore operativo di Save the Children a Giacarta. “Le organizzazioni umanitarie e le autorità locali stanno cercando, con molte difficoltà, di raggiungere le comunità nella zona di Donggala, dove ci si aspetta ci siano i danni più gravi e il numero più alto di vittime. Abbiamo un fortissimo timore per molti dei centri abitati in quell’area”, ha aggiunto.

L’Onu calcola che 191mila persone, fra cui 46mila bambini e 14mila anziani, abbiano bisogno di aiuti umanitari urgenti: molti di questi si trovano al di fuori delle aree urbane raggiungibili. “Stiamo lavorando con le autorità per riunire i bambini non accompagnati e separati con le proprie famiglie, sostenere l’alimentazione dei bambini in età da allattamento e dei bambini piccoli, fornire acqua pulita attraverso il trattamento mobile dell’acqua. Senza elettricità e con le strade bloccate, moltissimi bambini sono a rischio e senza alcuna protezione”, riferisce l’Unicef. Medici senza frontiere si è attivata e ha inviato sul posto un team di dottori ed esperti di logistica, igiene e potabilizzazione dell’acqua.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Omicidio Jan Kuciak, pm: “Il mandante pagò 70mila euro per l’assassinio”

next