Si apre nel modo migliore la seconda fase del mondiale di volley per le azzurre del ct Davide Mazzanti. Nella prima gara del pool da 8 squadre, l’Italia supera con un netto 3-0 l’Azerbaigian (25-12, 25-19 e 25-10). È la sesta vittoria consecutiva per il nostro sestetto, imbattuto in tutta la prima fase. La miglior realizzatrice è Miriam Sylla, che segna 17 punti ed è la più prolifica schiacciatrice del torneo. Bene anche Cristina Chirichella e Paola Egonu, a segno rispettivamente 13 e 11 volte.

Le italiane sono state superiori alle avversarie sia in attacco, con il 49% contro il 25% di tentativi a segno, che a muro (12 contro 3).  Nel sestetto iniziale Mazzanti  ha confermato Malinov in palleggio, Egonu opposto, Chirichella e Danesi centrali, Sylla e Bosetti schiacciatrici, De Gennaro libero. Nel primo set l’Italia ha messo subito sotto pressione le azere con una serie di ottimi turni in battuta, e si è portata sull’11-3, per poi gestire comodamente il vantaggio fino al 25-12 finale. La seconda frazione, almeno nella prima parte, è stata più equilibrata: la differenza l’hanno fatta i cinque muri dell’Italia nella fase centrale del set, chiuso poi 25-19. Senza storia il terzo parziale, con le italiane già sull’8-0 al primo time out tecnico.

Ora le azzurre sono attese dalla Thailandia, che affronteranno lunedì 8 ottobre alle 12.20 ora italiana. Poi i due match più ostici, mercoledì 10 ottobre contro la Russia e soprattutto giovedì 11 contro gli Usa, che come l’Italia non hanno ancora perso in questo mondiale. In questa fase le nazionali conservano i punti realizzati nei gironi da sei: le prime tre classificate di ognuno dei due gruppi da 8 si qualificano alle terza fase, le Final six.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Milan-Olympiakos, malore dell’hostess durante la conferenza stampa. E Gattuso reagisce così

next
Articolo Successivo

Cristiano Ronaldo, quella dello stupro è anche una questione di soldi. Tanti soldi

next