Si apre nel modo migliore la seconda fase del mondiale di volley per le azzurre del ct Davide Mazzanti. Nella prima gara del pool da 8 squadre, l’Italia supera con un netto 3-0 l’Azerbaigian (25-12, 25-19 e 25-10). È la sesta vittoria consecutiva per il nostro sestetto, imbattuto in tutta la prima fase. La miglior realizzatrice è Miriam Sylla, che segna 17 punti ed è la più prolifica schiacciatrice del torneo. Bene anche Cristina Chirichella e Paola Egonu, a segno rispettivamente 13 e 11 volte.

Le italiane sono state superiori alle avversarie sia in attacco, con il 49% contro il 25% di tentativi a segno, che a muro (12 contro 3).  Nel sestetto iniziale Mazzanti  ha confermato Malinov in palleggio, Egonu opposto, Chirichella e Danesi centrali, Sylla e Bosetti schiacciatrici, De Gennaro libero. Nel primo set l’Italia ha messo subito sotto pressione le azere con una serie di ottimi turni in battuta, e si è portata sull’11-3, per poi gestire comodamente il vantaggio fino al 25-12 finale. La seconda frazione, almeno nella prima parte, è stata più equilibrata: la differenza l’hanno fatta i cinque muri dell’Italia nella fase centrale del set, chiuso poi 25-19. Senza storia il terzo parziale, con le italiane già sull’8-0 al primo time out tecnico.

Ora le azzurre sono attese dalla Thailandia, che affronteranno lunedì 8 ottobre alle 12.20 ora italiana. Poi i due match più ostici, mercoledì 10 ottobre contro la Russia e soprattutto giovedì 11 contro gli Usa, che come l’Italia non hanno ancora perso in questo mondiale. In questa fase le nazionali conservano i punti realizzati nei gironi da sei: le prime tre classificate di ognuno dei due gruppi da 8 si qualificano alle terza fase, le Final six.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Milan-Olympiakos, malore dell’hostess durante la conferenza stampa. E Gattuso reagisce così

prev
Articolo Successivo

Cristiano Ronaldo, quella dello stupro è anche una questione di soldi. Tanti soldi

next