Le forze politiche liguri fanno fronte comune per chiedere maggiori risorse per Genova, in emergenza dopo il crollo del Ponte Morandi. E così, mentre in consiglio comunale passano tutti gli ordini del giorno presentati da maggioranza e opposizione, in Regione Liguria, M5s e Lega votano insieme al Pd un ordine del giorno sull’argomento, presentato dai dem, per chiedere un tavolo tra istituzioni locali, parlamentari liguri, forze sociali ed economiche per dare vita a una ‘vertenza Genova’ che “modifichi il decreto per la ricostruzione del ponte Morandi“, crollato il 14 agosto provocando 43 morti. Il via libera è stato unanime, anche se il contenuto del provvedimento contestato è stato varato proprio dall’esecutivo Conte, sostenuto da pentastellati e leghisti.

E anche in consiglio comunale si è creato un fronte compatto con l’approvazione di tutti i 41 ordini del giorno presentati dai partiti di maggioranza e di opposizione. I documenti erano tesi a indirizzare la pressione politica dal territorio in vista della discussione in Parlamento del dl pubblicato in Gazzetta ufficiale. Tra i temi toccati la richiesta dell’inserimenti di fondi certi per il Terzo valico, la velocizzazione delle opere per migliorare la viabilità e per l’efficientamento dei servizi di trasporto pubblico, maggiori risorse per il porto.

Nel decreto, tra le altre cose, sono previsti una zona franca per le aziende e 30 milioni di euro per il porto del capoluogo ligure. Visto che ora si aprirà una discussione parlamentare per la conversione del decreto, spiega il Pd, “si presenta un’importante occasione per modificare le insufficienti misure adottate dal Governo trovando nuove disposizioni e maggiori risorse”.

“Il decreto Genova varato dal governo per l’emergenza scaturita dal crollo del ponte Morandi – hanno aggiunto i consiglieri regionali dem – è stato accolto da istituzioni, associazioni e organizzazioni sindacali con un coro unanime di critiche, dal momento che le misure previste e le risorse economiche stanziate sono del tutto insufficienti a contrastare gli effetti pesantemente negativi che tale tragedia ha avuto sulla città di Genova, sul suo porto e sull’intera Liguria”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Def, Di Maio: “Minacce non ci fermano, Commissione Ue non eletta. Deficit? Prestito che restituiamo l’anno prossimo”

next
Articolo Successivo

Manovra, Borghi (Lega): “In unione monetaria normale lo spread non esiste. Uscita dall’euro? Non è nel contratto”

next