Dopo anni di discussioni, rinvii in commissione e sospensioni, finalmente l’Europa ce l’ha fatta: gli e-book avranno l’Iva al 4%.

L’Ecofin ha approvato la proposta che consentirà agli Stati membri di applicare aliquote Iva ridotte alle pubblicazioni elettroniche. Il Consiglio Ecofin “Economia e finanza” è responsabile della politica dell’Ue in tre settori principali: politica economica, questioni relative alla fiscalità e regolamentazione dei servizi finanziari. Questa decisione è stata accolta con soddisfazione da Ricardo Franco Levi, presidente dell’Associazione Italiana Editori (AIE) che l’ha definita “una grande vittoria per l’Italia e per tutti i lettori europei”.

Ripercorrere l’iter di questa legge è come assistere a una partita di ping pong, perfino la Corte di Giustizia aveva fatto il Ponzio Pilato, rinviando la decisione agli Stati. In tutto ciò, è bene ricordare che il nostro Paese è tra quelli che più hanno voluto e sostenuto la decisione di equiparare l’Iva dei libri digitali a quella dei cartacei. L’ex ministro dei Beni Culturali Dario Franceschini nel settembre 2014, in un incontro al Castello di Venaria, aveva perorato la causa con i suoi omonimi. Però l’iniziativa non era andata a buon fine, infatti a marzo 2015 l’Europa aveva bocciato la proposta.

E il primo gennaio 2015 l’Italia aveva scelto di applicare l’Iva al 4% – e non più al 22% – ai libri digitali, nonostante in Europa fosse in una posizione minoritaria. E subito dopo l’AIE ha dato vita alla campagna #unlibroèunlibro che ben presto, grazie al sostegno del governo e a un grande gioco di squadra, è diventata una battaglia italiana e oggi una vittoria di tutti i lettori europei.
Personalmente non posso che essere felice, infatti, dal mio blog, ho sempre sostenuto questa battaglia e già nel 2014 spronavo i nostri politici ad applicare l’Iva al 4%, perché sono convinta che l’equiparazione del libro digitale a quello cartaceo sia corretta e poi l’Iva al 4% sia stato uno stimolo per il mercato.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Jaybird Tarah Wireless, cuffiette wireless per gli amanti dello sport (e per chi suda copiosamente)

prev
Articolo Successivo

Kobo Forma agevola la lettura degli eBook con uno schermo riposante da ben 8 pollici di diagonale

next