Era da gennaio 2012 che il tasso di disoccupazione in Italia non scendeva sotto al 10%. Ma i dati di agosto dell’Istat mostrano per la prima volta negli ultimi 6 anni un’inversione di tendenza: la percentuale è scesa al 9,7% con un calo di 0,4 punti percentuali su luglio e 1,6 punti su agosto 2017. L’Istituto nazionale di statistica evidenzia però che aumentano i giovani disoccupati (al 31%) e i lavoratori a termine, mentre è record storico dall’inizio delle serie – cioè dal 1977 – dell’occupazione, che si attesta al 59%. Dati che però, secondo Eurostat, collocano ad agosto l’Italia al terzultimo posto tra i 19 paesi dell’eurozona: peggio di noi soltanto Grecia (19,1% a giugno) e Spagna (15,2%). I Paesi con meno disoccupati sono Repubblica ceca (2,5%), Germania e Polonia (3,4%), mentre la media della disoccupazione nell’eurozona ad agosto è stata dell’8,1%, al minimo da novembre 2008. Il tasso è scesa dall’8,2% di luglio e dal 9% di un anno fa. Nei 28 paesi Ue invece i disoccupati sono al 6,8%, record da aprile 2008, invariati rispetto a luglio e in calo dal 7,5% di agosto 2017.

Così dopo il calo dei due mesi precedenti, la stima degli occupati ad agosto 2018 torna a crescere (+0,3% su base mensile, pari a +69 mila unità). “Nell’arco dei dodici mesi – scrive l’Istat – la crescita occupazionale rimane consistente, concentrata tra i lavoratori a termine e gli ultracinquantenni. Meno intense le variazioni dell’inattività che registra comunque un saldo annuo positivo”. Ad agosto, continua la relazione dell’istituto di statistica, “dopo la flessione dei due mesi precedenti, si stima una ripresa dell’occupazione che coinvolge sia i dipendenti permanenti sia quelli a termine, mentre calano gli indipendenti. Il tasso di occupazione raggiunge il 59% e la disoccupazione scende sotto la soglia del 10%”.

Salgono lavoro a termine e disoccupazione tra i giovani – È record dall’inizio delle serie storiche – cioè dal 1992 – però, per il lavoro a termine ad agosto: nel mese – rileva l’Istat – gli occupati a tempo determinato erano 3.143.000 con una crescita di 45.000 unità (+1,5%) su luglio e di 351.000 unità (+12,6%) su agosto 2017. Il tasso di disoccupazione dei giovani tra i 15 e i 24 anni ad agosto sale di 0,2 punti al 31% rispetto a luglio mentre cala di 3,5 punti rispetto ad agosto 2017. Il tasso di occupazione dei giovani diminuisce al 17,4%. Tra gli anziani (50-64 anni) il tasso di occupazione sale ancora, al 60,8% mentre il tasso di disoccupazione si riduce di 0,6 punti sul mese e di 1,3 punti su agosto 2017 al 5,5%.Eurostat invece registra che la disoccupazione giovanile è calata ad agosto, scendendo al 16,6% dal 16,7% di luglio e dal 18,5% di un anno fa. Stesso trend nei 28, dove è diminuita al 14,8% dal 14,9% di luglio e dal 16,6% di agosto 2017. L’Italia si conferma sempre al terzo posto per il tasso più alto, in crescita al 31% ad agosto dal 30,8% del mese precedente ma in calo dal 34,5% di agosto 2017, dietro Grecia (39,1% di giugno) e Spagna (33,6%). La Francia è quarta con il 20,2%. I Paesi con il minor numero di giovani disoccupati sono Germania (6,3%), Repubblica ceca (6,3%) e Olanda (7,7%).

Crescono occupati e inattivi – L’Istat spiega che i senza lavoro sono diminuiti sul mese di 119mila unità a 2,522 milioni mentre sono calati di 438mila unità su agosto 2017. Il dato è legato alla crescita congiunturale degli occupati (+69.000 su luglio) ma anche all’aumento degli inattivi tra i 15 e i 64 anni (+46mila). Per quanto riguarda l’occupazione, ad agosto si registra una ripresa con una crescita di 69mila occupati su luglio e di 312mila occupati su agosto 2017. Gli occupati nel mese erano 23.369.000.

L’occupazione dipendente permanente è aumentata di 50mila unità (e calata di 49mila unità su agosto 2017) mentre quella a termine ha registrato 45mila unità in più. La crescita dell’occupazione rispetto a luglio, indica l’istituto, riguarda donne e uomini e si distribuisce tra le persone maggiori di 25 anni. Nell’ultimo mese si stima una crescita dei dipendenti: i permanenti recuperano parzialmente il calo dei due mesi precedenti (+50 mila a 14,9 milioni, +0,3%), quelli a termine continuano a crescere (+45 mila a 3,14 milioni, +1,5%), mentre calano gli indipendenti (-26 mila a 5,32 milioni, -0,5%). Nei dodici mesi la crescita occupazionale si concentra fortemente tra i lavoratori a termine (+12,6%, +351 mila), in lieve ripresa anche gli indipendenti (+0,2%, +11 mila), mentre calano i dipendenti permanenti (-0,3%, -49 mila).

Renzi: “Merito del Jobs Act” – Sul calo della disoccupazione interviene su Twitter Matteo Renzi, che attribuisce il risultato alla sua riforma del lavoro: “Quindi il #JobsAct ha portato per la prima volta dopo anni la disoccupazione sotto il 10%. Siamo partiti dal 13.2% e adesso siamo al 9.7%. Ora vedremo che succede appena Di Maio abolisce la povertà #Istat”.

E su Facebook aggiunge: “Adesso comunque Di Maio ci ha detto di aver abolito la povertà e introdotto il reddito di cittadinanza, quindi non ci sarà più bisogno di seguire i dati Istat – aggiunge Renzi -. Ma per chi continua a credere alla realtà e non alle #FakeNews di RoccoCasalino, la disoccupazione sotto il 10% è una buona notizia. Viva l’Italia che lavora e non vive di assistenzialismo”. Sulla stessa linea il capogruppo alla Camera Andrea Marcucci, che attacca i 5 Stelle sul reddito di cittadinanza: “Per la prima volta dal 2012 la disoccupazione va sotto il 10%. Merito del #jobsact, che #DiMaio ha definito assassinio politico. Per chi, come il #M5S, propone i sussidi, il lavoro deve essere una iattura. #Istat”.