“Noi utenti non contiamo nulla, dobbiamo far sentire la nostra voce d’ora in avanti”. Il crollo del ponte di Genova ha colpito profondamente gli italiani, a cominciare da coloro che viaggiano frequentemente in autostrada. Abbiamo dialogato con molti di loro, in un’area di servizio sulla Milano-Genova. “Scarsa manutenzione, nessun controllo, ricavi enormi per la concessionaria, le responsabilità sono evidenti”, dichiarano alcuni. “Purtroppo in Italia ci vuole sempre una tragedia per aprire gli occhi, in queste condizioni dovremmo rifiutarci di pagare il pedaggio“, si sfogano altri. “I vertici di Autostrade e i dirigenti delle strutture ministeriali devono pagare, la colpa è loro”, insistono in molti. Ma l’ipotesi di revocare la concessione e ‘nazionalizzare’ la gestione non convince tutti. “L’importante è varare un contratto rigoroso e far funzionare il sistema dei controlli“, osserva qualcuno, perché ora la priorità è garantire la sicurezza: “Non siamo di fronte a una tragica fatalità, sulla rete autostradale sono tanti i punti a rischio sui quali è necessario intervenire”. E voi che ne dite?

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Lignano Sabbiadoro, pestano il ragazzino per 100 euro e filmano tutto, indagati 2 minori. Dicevano: “Ti uccido, fuori i soldi”

prev
Articolo Successivo

Ponte Morandi, il commissario designato: “Tempi per la ricostruzione? Otto mesi mi sembrano pochi. Serve percorso veloce”

next