Il nuovo Synology DiskStation DS119j è un NAS economico ideale per chi non ne ha mai avuto uno ma vuole provare questo tipo di oggetto. L’azienda lo ha messo in commercio da poco a circa 100 euro, un prezzo davvero basso per prodotti di questo genere. A cui bisognerà comunque aggiungere il costo di almeno un hard disk da metterci dentro – ma in genere si trovano offerte a pacchetto che includono tutto il necessario.

NAS significa Network Attached Storage, vale a dire sistema di archiviazione collegato in rete. Se ne può ottenere uno, per esempio, collegando un hard disk esterno o una pennetta alla porta USB del router (se ne ha una). È probabilmente il modo più semplice ed economico ma ha anche molti limiti e controindicazioni – non ultimo il fatto che pochissimo modem/router in circolazione hanno un software di buona qualità per questa specifica funzione.

Un NAS vero e proprio come il Synology DiskStation DS119j è un dispositivo a parte, da collegare alla rete elettrica a alla rete informatica di casa (o anche in ufficio, ma in genere si preferiscono prodotti più avanzati di questo). Poi bisognerà inserire un disco della dimensione desiderata; questo Synology può ospitare hard disk fino a 14 TB, che tra l’altro costerebbero molto di più del NAS stesso.

Una volta collegato e configurato il tutto, si potranno salvare file sul NAS fino a riempirlo. E soprattutto si potrà accedere agli stessi con facilità dal computer, dallo smartphone, dal tablet o dal televisore o anche da remoto, cioè stando a chilometri da casa. È un servizio cloud del tutto simile a Dropbox, OneDrive, Google Drive, eccetera, ma personale, e lo spazio a disposizione lo decidete voi senza pagare abbonamenti. Non solo, un NAS come quelli di Synology (l’altro marchio leader è Qnap) ha un vero e proprio sistema operativo.

Non è proprio come un computer con Windows o un Mac, ma non è nemmeno un altro pianeta: si possono gestire tante impostazioni e ci sono molte applicazioni da installare a piacere tramite un vero e proprio negozio dedicato – quello di Synology è ben fornito.

Con l’app giusta il NAS diventa un server per la collezione di film, un sistema di backup, un computer remoto per gestire il blog, un database per programmare. Ci si può fare praticamente qualsiasi cosa, ma limitatamente all’uso casalingo ci terremo le fotografie, la musica, i film e i documenti per la gestione domestica (bollette, certificati, etc.).

Infine, i NAS non sono tutti uguali. Il Synology DiskStation DS119j è un modello economico, relativamente poco potente e ci si può mettere solo un disco. All’altro estremo ci sono NAS che potrebbero riprodurre film in 4K e ospitare decine di dischi, per capacità totali superiori al petabyte. Questo nuovo modello è ideale per cominciare, ma da lì in poi è un mondo da scoprire.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Acquisti online senza fregature seguendo poche e semplici regole d’oro

next
Articolo Successivo

Spotify Premium costa poco perché si può condividere in “famiglia”, ma domani potrebbe scattare il controllo residenza

next