“Non credo che cambieranno la legge 194, ci sarebbe la rivolta. Ma cambieranno la cultura. E volte le leggi possono essere vanificate nella loro applicazione”. Sono le parole di Livia Turco, ex ministra della Salute, a margine del convegno Non tornare indietro: molto più di 194! oggi alla Camera dei Deputati a Roma nella giornata internazionale per l’aborto sicuro. “Per evitare che vincano Pillon o Fontana – che dicono cose orrende – serve un ampio schieramento progressista di donne”, dice Turco.

Questo governo “è più sfacciato, arrogante, palese. Finalmente ha l’aspetto del nemico e noi ci faremo avanti”, dice Lisa Canitano, ginecologa e già candidata alla Regione Lazio per Potere al Popolo. “La ministra Grillo si sta contraddistinguendo per il nulla”, tuona Livia Turco. “Non ha mai risposto al nostro invito qui”, spiega Marina Toschi, vicepresidente dell’Associazione ginecologi territoriali, dalla Rete nazionale Molto+di194 per portare avanti sia la petizione sulla gratuità dei contraccettivi, “che non ha ancora avuto risposte da parte delle istituzioni preposte”, sia la petizione sull’aborto farmacologico. “Ma le manderemo una video-lettera”.

Il diritto all’aborto “avrà sempre i suoi detrattori”, dice Mirella Parachini, ginecologa responsabile del servizio IVG dell’Ospedale San Filippo Neri di Roma “Ma è il diritto alla salute riproduttiva, in cui l’aborto è la soluzione a una gravidanza non prevista e oggi, che è la giornata internazionale per l’aborto sicuro, deve rappresentare una procedura medica garantita per la salute delle donne”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Le parole di Cattaneo al GF Vip non sono più sessiste di quelle di Libero su Zanza. Il problema è culturale

prev
Articolo Successivo

Giornata per l’aborto, “sessualità in Italia? Affidata alla ‘naturalità’, non ai contraccettivi. Se arriva un figlio, si tiene”

next