Paola Ruffo di Calabria, regina madre del Belgio, è stata colpita da un malore nella notte tra martedì e mercoledì mentre si trovava in vacanza a Venezia. Dopo essere stata ricoverata per mezza giornata all’ospedale civile Santi Giovanni e Paolo, è ripartita per il Belgio nel pomeriggio accompagnata dal re Alberto che cinque anni fa ha abdicato in favore del figlio Filippo. In giornata Paola del Belgio sarà rimpatriata con un aereo della Difesa belga. Secondo i medici dell’ospedale di Venezia ha avuto un’ischemia ma le sue condizioni non sono gravi. È sempre rimasta cosciente, parla e cammina normalmente: è stata ricoverata per alcune ore e poi, dopo una serie di esami neurologici, è uscita dall’ospedale insieme al marito (che nel frattempo l’aveva raggiunta dal Belgio) a bordo di una idroambulanza per raggiungere l’aeroporto Marco Polo. I due sovrani sono stati scortati dai carabinieri che hanno vigilato la camera dov’era ricoverata la regina, subentrando alle guardie del corpo reali. Ai reali del Belgio, che rappresentano il vertice dello Stato di Bruxelles, è arrivato il messaggio dal presidente della Repubblica Sergio Mattarella: “Ho appreso con preoccupazione – si legge nella nota del Quirinale – la notizia del malore che ha colpito la Regina Paola durante il suo soggiorno a Venezia. Invio alla Regina Paola un affettuoso pensiero e fervidi auguri di pronto e completo ristabilimento. A nome del popolo italiano e mio personale rinnovo a Vostra Maestà, alla famiglia reale e a tutti i cittadini belgi le espressioni dei nostri sentimenti di amicizia e vicinanza“.  Anche il premier belga Charles Michel, attualmente a New York per l’Assemblea generale delle Nazioni Unite, “si è informato sullo stato di salute della sovrana e le ha augurato una pronta guarigione”.

Paola Ruffo di Calabria, di origini italiane (è nata a Forte dei Marmi, figlia di un eroe della Prima guerra mondiale, Fulco), è stata ritenuta in gioventù una delle più belle principesse d’Europa. Paola Ruffo ha 81 anni e ha il titolo di regina madre da quando la corona è passata al figlio Filippo e a sua moglie Matilde.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Dl Salvini, bocciatura del Vaticano: “Non si può criminalizzare chi parte”

next
Articolo Successivo

“Reddito di Cittadinanza e vedrai come iniziano a trombare tutti come i ricci”. Il tweet e la precisazione del deputato M5S Baroni scatenano i social

next