Eversivo. Imperialista e anti-nazionalista. Scrittore e socialista “dalla linea dura”. Attivista dei diritti costituzionali. Chi è in realtà Eduard Limonov? Nella quinta puntata di “Cani Sciolti”, in esclusiva su iloft.it solo per gli abbonati, Mimmo Calopresti mette a fuoco l’ambiguo fondatore del Partito Nazional Bolscevico. Limonov è il quinto protagonista della serie che racconta artisti fuori dagli schemi. Oppure, in questo caso, sovversivi di professione. “Sono stato detenuto tante volte – racconta Limonov – per violazioni dell’articolo 31 del codice penale”. Ex spia comunista ai tempi della Guerra Fredda, non ha mai abbandonato l’idea della Rivoluzione: “Abbiamo creato un partito senza nemmeno un politico di professione – dice orgogliosamente – nemmeno io”. Nel docu-ritratto di Calopresti, Limonov si presenta come un ‘normalissimo’ rivoluzionario del terzo millennio: “Non volevamo considerare solo la Russia, così abbiamo lavorato in Lettonia, Kazakistan, Ucraina”.

‘Cani sciolti’  è realizzato da Loft produzioni ed è disponibile in abbonamento su app e sito di Loft.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Balle Spaziali, Marco Travaglio smonta tre fake news: il governo ‘Salvimaio’ minaccia la libertà di stampa?

prev
Articolo Successivo

Loft, Marco Travaglio smonta tre ‘Balle Spaziali’: “È vero che lo spread sale per colpa del governo?”

next