“Quel che non ho potuto avere in vita mia voglio che l’abbiano gli altri”. E’ quanto ha dichiarato agli amici la donna di 50 anni che il 12 settembre scorso ha vinto 5 milioni di euro al Gratta e vinci. A riportarlo al quotidiano Il Tirreno sono i titolari della tabaccheria di Grosseto dove è avvenuta la vincita. “Non aveva i soldi per l’affitto e ora vuole aiutare chi è in difficoltà”, dice Gianluca D’Ascoli ai giornalisti. Perché il progetto che la donna vuole finanziare è proprio il suo: “Mi ha assicurato una cifra che non immaginavo nemmeno per ristrutturare un casale dove vorremmo accogliere bambini con handicap e con difficoltà, mi sono venute le lacrime agli occhi”, ha raccontato in un’intervista a Radio Capital.

Dal giorno della vincita è passata una settimana. Un tempo in cui la donna non si è fatta vedere nella tabaccheria in via Liri, gestita da Valentina Fabbrini – compagna di D’Ascoli – e dal fratello. E poi la telefonata: “Mi ha chiesto di andare a casa sua” dice D’Ascoli e al Tirreno racconta che quel tempo è servito alla vincitrice per decidere cosa fare di tutti quei soldi. La prima cosa sarà comprare la casa in cui abita e da cui rischia spesso di essere sfrattata e la seconda sarà una donazione al progetto di D’Ascoli e della compagna.

“Tu e Valentina – ha detto la donna all’amico – mi avevate parlato del un progetto di un centro per disabili. In passato avrei voluto aiutarvi ma non avevo soldi. Ora ce li ho. E voglio farvi una donazione”. I soldi della generosa vincitrice per la ristrutturazione di un casale nel quale D’Ascoli ha in progetto di “costruire un asilo a costo zero per le famiglie bisognose, un ristorante con lavoratori portatori di handicap, una struttura ricettiva a basso costo per famiglie in difficoltà, una piscina per la riabilitazione, ippoterapia”. L’uomo si dice “commosso”: la vita per donna “non è stata facile, ma anche quando non aveva nulla ha sempre aiutato chi aveva bisogno”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Spagna, indagati 500 neolaureati italiani in giurisprudenza. “Hanno pagato 11mila euro per l’iscrizione all’albo”

prev
Articolo Successivo

La sanità italiana è quarta nel mondo per efficienza. Ma è più utile denigrarla

next