“Sia il decreto sicurezza, sia quello sull’immigrazione sono al vaglio degli uffici legislativi e stiamo lavorando benissimo. C’è già stato un primo studio dei decreti in questione, in cui non risultano particolari criticità. Ovviamente c’è qualcosa da limare”. Sono le parole del ministro della Giustizia, Alfonso Bonafede, ospite de L’Aria che Tira, su La7. E sul fatto che la domanda di un richiedente asilo venga stracciata nel caso in cui venga commesso un reato, il Guardasigilli M5s sottolinea: “Se una persona viene in Italia deve rispettare le leggi. Questo è un punto inderogabile. Le leggi le devono rispettare anche e soprattutto coloro che chiedono aiuto e accoglienza all’Italia. I migranti, quando ci sono i presupposti, vanno accolti, ma il rispetto delle leggi è inderogabile“. Bonafede, poi, ironizza sull’insistenza della conduttrice Myrta Merlino nelle domande sul ministro dell’Interno: “Ma perché non invitate il portavoce di Salvini?“. E sulla legittima difesa puntualizza: “Su questa non ha competenza il ministro dell’Interno. Il ministro dell’Interno si occupa della sicurezza dei cittadini e di prevenire il fatto che un losco individuo entri nella casa di una persona onesta. Al ministero della Giustizia invece, quando lo Stato ha fallito e una persona è entrata nella casa di qualcuno, spetta fare tutto per garantire al cittadino di non doversi difendere per tre gradi di giudizio dall’accusa di essersi difeso”. Il ministro si pronuncia sulla caustica critica espressa in commissione al Senato dal presidente dell’Anm, Francesco Minisci, sulla legge (“si rischia di legittimare l’omicidio“): “È una frase sbagliata e molto generica. Il presidente dell’Anm ha tutto il diritto di esprimere le sue perplessità, ma quella frase è generica e non dice nulla del testo”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Fondi Lega, Boccia vs Borghi: “Estendete la rottamazione dei debiti in 80 anni anche agli italiani”

prev
Articolo Successivo

Taglio parlamentari, Fraccaro: “Depositati i ddl costituzionali per toglierne 345 e introdurre il referendum propositivo”

next