Ci sono tante possibili ragioni per divorziare, compresa la troppa dedizione ai videogiochi. Secondo la società britannica Divorce Online sono già il cinque percento le separazioni in cui i coniugi citano la dipendenza da videogiochi come causa o concausa. Tra i documenti emerge il nome di Fortnite, forse il gioco più famoso del 2018.

Divorce Online, società specializzata in separazioni, rileva infatti che delle 4.665 richieste ricevute da inizio 2018, circa duecento includono tra le cause Fortnite o un altro videogioco online. Secondo i rappresentanti della società non c’è nulla di cui sorprendersi però, perché si tratta semplicemente di una nuova dipendenza che si sommano a quelle preesistenti. Ad alcol, droghe e gioco d’azzardo si aggiungono ora “pornografia online, videogiochi online e social media.

La nota specifica come la questione sia incentrata sui giochi online, a indicare quei videogiochi in cui ci si collega con altre persone per condividere la partita e l’esperienza di gioco. Un tipo di videogioco che è diventato ormai maggioritario e che tendenzialmente fa sentire il giocatore più coinvolto e meno incline ad abbandonare.

I giochi di ultima generazione, poi, hanno meccanismi che sono particolarmente efficaci nel tenere il giocatore “incollato” allo schermo anche per molte ore alla volta. Non a caso molte campagne pubblicitarie usano il termine inglese addicting come aggettivo laudatorio, nonostante stia a indicare qualcosa che produce dipendenza esattamente come droghe, tabacco e altre sostanze.

Se le campagne di marketing vedono nella ludopatia una leva per vendere più copie, tuttavia, altri non sono d’accordo. Proprio lo scorso luglio l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha aggiunto la dipendenza da videogame (gaming disorder) ai problemi certificati – fermo restando che non basta essere un giocatore per soffrirne.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Le vostre foto saranno dei capolavori di fantasia grazie al MIT

prev
Articolo Successivo

Google Pay sbarca in Italia: paghi direttamente con lo smartphone, Esselunga e Bennet tra i primi partner

next