A Brescia la legionella? Come dite? Due morti e duecento infettati, forse di più? Ma davvero? La notizia è stata rubricata nei titoli di coda dei telegiornali, e dopo un primo, timido spavento, anche i giornali di carta hanno rimesso la penna nel taschino. Le autorità sanitarie, subito allertate, stanno provvedendo all’immediata diagnosi e assicurano che il batterio ha le ore contate. Molto bene. Quando le cose funzionano come a Brescia, c’è da rallegrarsi.

Ora però pensiamo per un istante se quella stessa legionella, quei due morti e duecento infettati, fossero comparsi a Napoli, o a Bari, o a Catania. Sui tg sarebbe ricomparso il colera, mai dimenticato, e noi giornalisti avremmo affondato penne e pennini sulla sporcizia che sotto il Vesuvio non manca mai (e infatti Salvini già anni fa cantava “senti che puzza, arrivano i napoletani!”). Della sporca abitudine dei baresi di mangiare le cozze crude non ne parliamo proprio! Batteri in ogni luogo, e vibrioni, e polemiche, e il Time, e anche l’Economist: Napoli irrecuperabile! Napoli la svergognata, vinta da orde di batteri. Invece il vibrione, se così si chiama, è comparso nella splendida e civile Brescia, nell’efficiente e organizzata Brescia, e non è stato possibile approfondire oltre, capire meglio.

Il Nord è il nord. Infatti sarebbe mai stato possibile al Nord inaugurare un’autostrada, dichiarare completati i lavori malgrado 42 chilometri non siano stati mai toccati perché il tempo mancava e anche i soldi erano finiti? Chiunque si fosse arrischiato al bluff sarebbe stato preso a pernacchie. Al Sud è stato invece possibile dare per compiuta l’ennesima incompiuta. Anzi, Matteo Renzi, al tempo premier, due anni fa ha fatto di più. Ha dichiarato: “I lavori sulla Salerno-Reggio Calabria sono stati conclusi nei tempi previsti. Nessuno ci credeva. Promessa mantenuta!”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

L’Ilva non chiude, ma almeno Tamburi (il quartiere della morte) andrebbe raso al suolo

next
Articolo Successivo

L’Istantanea – Ossi di seppia

next