È un italiano di 20 anni con precedenti penali uno dei tre aggressori di un 22enne della Nuova Guinea, titolare di protezione internazionale e residente a Sassari da oltre 6 anni, picchiato in Corso Cossiga nella tarda serata di due giorni fa. La Polizia Municipale è certa di aver ricostruito integralmente quanto accaduto e identificato una persona: le immagini registrate dai sistemi di videosorveglianza presenti nell’area, le testimonianze rese dalle persone accorse per soccorre il ragazzo e gli ulteriori elementi di prova raccolti hanno permesso di identificare con certezza l’aggressore più violento. I vigili confidano di identificare presto l’intera banda costituita da tre persone.

L’extracomunitario, nella ricostruzione dei fatti della Municipale, era diretto in piazza d’Italia dove si sarebbe dovuto incontrare con un amico. Mentre attendeva che scattasse il verde al semaforo un gruppetto di coetanei ha attraversato la strada in direzione opposta e ha raggiunto il 22enne: a questo punto, riferisce la Municipale, è scattata l’aggressione. Un giovane ha colpito con una violenta gomitata al fianco l’extracomunitario. Poi, sempre stando alla ricostruzione dei vigili, il 22enne è stato colpito in pieno volto da un pugno sferrato dalla stessa persona che gli aveva inferto la gomitata ed immobilizzato da un secondo giovane che gli ha cinto un braccio intorno al collo, mentre un terzo uomo gli ha sferrato un secondo violento pugno in pieno viso.

Lo straniero è caduto a terra e, a questo punto, tutti e tre gli aggressori lo hanno colpito con calci su tutto il corpo e al volto. Solo le urla di una coppia di anziani che hanno assistito al fatto e l’arrivo di altri passanti ha fatto desistere i tre uomini, che sono scappati.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Droga, stroncato traffico dall’Afghanistan a Cagliari: trovata valigia imbottita di eroina

prev
Articolo Successivo

Barletta, minorenne drogato e violentato: arrestato 53enne con precedenti

next