Con Skype presto si potranno gestire gli SMS direttamente dall’applicazione desktop. La novità è stata comunicata da Microsoft e sarà disponibile solo per chi usa uno smartphone Android. Il funzionamento è simile a quanto si può avere su browser andando su messages.android.com, con la differenza che invece di usare il browser si userà Skype.

Una comodità in più per chi già usa questo strumento di comunicazione abitualmente, perché raccoglie in un unico posto le chat esistenti e gli SMS ricevuti sul telefono, senza bisogno di mettere mano allo smartphone né di aprire un’altra finestra sul computer. La nuova funzione, che si chiama Skype SMS Connect sarà disponibile sia su Skype per Windows sia sulla versione per MacOS.

Al momento però non è per tutti. Skype SMS Connect infatti per ora è accessibile solo a chi usa le versioni di Skype etichettate come Insider Build – vale a dire versioni che ricevono gli aggiornamenti in anticipo, ma si espongono anche a eventuali errori che saranno corretti nella pubblicazione definitiva.

Per attivare la nuova funzione bisogna avere Skype Preview installato anche sullo smartphone. Da qui bisogna toccare l’immagine del profilo>Impostazioni>Messaggistica e, se siete nella Insider Build, potrete abilitare SMS Connect. Da questo momento in poi potrete vedere gli SMS nella versione desktop di Skype – mentre sul telefono continuerete a usare l’applicazione predefinita.  Se siete utenti Insider Build e non vedete l’opzione, significa che sarà attivata nei prossimi giorni. Skype Preview per Android si può installare direttamente dal Play Store.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Apple, i nuovi iPhone sempre più vicini: cosa aspettarsi dall’evento del 12 settembre

next