“Andrò nelle scuole, in tv, pensano di essersi liberati di me, ma hanno sbagliato”. Lo ha detto Matteo Renzi alla Festa dell’Unità di Firenze al termine di un lungo discorso durante il quale ha attaccato il governo Lega-M5s e le opposizioni interne: “Non vivo nell’ansia di tornare da qualche parte ma vivo nell’ansia di non lasciare la politica a chi crede che sia un prolungamento di facebook. In questi mesi hanno raccontato un sacco di bugie, quando arriveranno i nodi al pettine noi ci saremo. Il tempo è galantuomo ma ci arriveremo”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Conte e il gioco della torre: “Renzi si è già buttato da solo. Boschi o Carfagna? La prima perché la conosco”

prev
Articolo Successivo

Egitto, il nuovo lavoro di Angelino Alfano. E quello che il Canada ci può insegnare

next