Salvini? Non ritengo assolutamente giusto che non si rispetti la magistratura. Ci vuole rispetto per la magistratura”. Così a In Onda (La7) il vicepresidente del Consiglio, Luigi Di Maio, commenta le invettive dell’altro vicepremier, Matteo Salvini, contro i magistrati, a seguito delle indagini a suo carico per sequestro di persona aggravato sul caso Diciotti. Di Maio continua: “Dobbiamo abituarci al fatto che, ogni volta che arriverà un atto di questa inchiesta al ministro Salvini, lui farà un video. Ma è giusto, per carità. In più, io le decisioni sulla Diciotti le sostengo e le condivido. Però, quando si dice che ci sono magistrati di destra e di sinistra, si riporta il Paese alla Seconda Repubblica berlusconiana. Siccome siamo la Terza Repubblica e siccome Salvini ha preso una decisione insieme a noi come governo, decisione che noi rivendichiamo, andiamo avanti su quello che dobbiamo fare nel contratto di governo. E non scateniamo queste guerre tra magistratura e politica”. Il ministro M5s aggiunge: “La Lega sta attraversando sicuramente un momento difficile, perché in questo momento, a seguito delle sentenze, non può neppure raccogliere fondi dai propri iscritti. Però anche noi 5 Stelle siamo stati destinatari di sentenze sul simbolo del Movimento e sulla presentazione delle liste. In Sicilia per due settimane siamo stati sospesi, perché il magistrato aveva detto che non si poteva utilizzare il simbolo. Tuttavia, non ci siamo mai sognati di attaccare la magistratura. Le sentenze si rispettano e si va avanti

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Lavoro, Di Maio: “Ridiamo dignità tolta dal Jobs act. A settembre tornerà la cassa integrazione per cessazione”

prev
Articolo Successivo

Ponte Morandi, Di Maio: “Faremo esposto per danno erariale a Corte dei Conti contro ex ministri. Paghino di tasca propria”

next