Dopo l’accordo raggiunto sull’Ilva tra sindacati, governo e azienda ArcelorMittal, è stato il ministro allo Sviluppo economico, Luigi Di Maio, a rivendicare il risultato: “Bene la firma, ora una legge speciale per Taranto. Questo è l’inizio di un percorso. Dopo una lunga notte si è arrivati al miglior accordo possibile nelle peggiori condizioni possibili”, ha aggiunto Di Maio. E ancora: “Ora il vero obiettivo adesso è rilanciare la città, che non può dipendere da una sola azienda, e quindi adesso ci metteremo al lavoro per una legge speciale”. Di Maio non ha poi voluto commentare le dichiarazioni del suo predecessore al Mise, Carlo Calenda, che si era detto felice dell’accordo perché “Di Maio ha cambiato idea” sul destino dell’Ilva.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Fondi Lega, Di Maio: “Le sentenze si rispettano, ma i fatti risalgono alla gestione Bossi. Nessuna ricaduta su governo”

next
Articolo Successivo

Ilva, oggi si è celebrato il funerale politico del M5s. Ora gli eletti di Taranto si dimetteranno?

next