In Italia la popolazione straniera immigrata è pari al 7 per cento del totale. Uno studio dell’Istituto Cattaneo ci dice che a noi sembra di vederne molti di più: almeno quattro volte di più del reale. Percepiamo un dato falso e lo assumiamo come vero.

Se c’è umido fa più caldo. E la temperatura reale aumenta d’intensità nella nostra percezione. Aumenta il peso di quel caldo sul nostro corpo.

L’alterazione della percezione è un fenomeno non solo metereologico. È precisamente l’oggetto della propaganda politica, strumento legittimo che i partiti usano per illustrare le loro buone ragioni massimizzando la positiva percezione di esse attraverso lo screditamento delle tesi opposte. È anche una tecnica pubblicitaria. La propaganda serve a sopperire all’assenza di passione, al comune sentire che può farci ritrovare uniti per il medesimo ideale di società. Qual è allora il ruolo dell’informazione? Quello di mitigare la propaganda, ridurre l’alterazione della percezione, fare in modo che i nostri occhi guardino la realtà per come essa è, non per ciò che appare a noi.

Ecco perché la politica ha il massimo interesse a gestire, governare, dominare il mondo dell’informazione. Non a caso i primi avvicendamenti che ogni governo decreta, anche questo come si è visto, sono quelli che fanno capo alla Rai. E non a caso ogni politico si dota di addetti alle comunicazioni che svolgono il doppio compito di agevolare la conoscenza degli atti prodotti, magari amplificarne gli esiti, e ridurre al massimo quelli negativi.

Un’informazione assoggettata, contigua, o soltanto amica dell’uno o dell’altro protagonista in campo ridurrà o aumenterà l’enfasi di una notizia, e la tratterà attraverso un processo di manipolazione. E, come nel caso dell’immigrazione percepita, agevolerà il radicamento di un dato falso in luogo del vero.

L’informazione, per essere libera, deve essere autonoma, e per essere autonoma deve avere i conti in ordine, deve poter avanzare sulle proprie gambe.

Perciò è necessario leggere, approfondire, e pagare l’informazione. La conoscenza è cibo per la mente, è come il pane a tavola. Andreste dal fornaio senza soldi in tasca?

Ricordate sempre, e mi rivolgo ai tanti che utilizzano i social per conoscere (ed eventualmente deliberare), che l’unica cosa che vi viene offerta gratis è e sarà sempre la pubblicità.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Con Autostrade il contratto è stato preparato dal governo o dal Madoff dei Parioli?

next
Articolo Successivo

Di chi è la panchina? Di chi un albero? La legge che insegna ai piccoli a non divenire barbari da grandi

next